Puntata movimentata quella di Non è l’Arena, su La7. Massimo Giletti ha prima attaccato Domenico Arcuri per aver scelto di andare da Barbara D’Urso e poi, più avanti, sentendo le testimonianze di due ragazze coinvolte nel caso Alberto Genovese, si è commosso. La piscoterapeuta Stefania Andreoli si è rivolta alle ragazze che hanno parlato in studio delle violenze subite nell’ambito del caso dell’imprenditore milanese ora in carcere con l’accusa di stupro è ha raccontato di come Giletti, dopo averle incontrate a Milano, l’abbia chiamata, sconvolto. Nel mentre, il giornalista non ha trattenuto le lacrime. “Chi conosce Massimo basta che in questo momento guardi i suoi occhi – ha aggiunto Nunzia De Girolamo – io lo conosco da tanti anni e devo dire che stasera sono proprio felice di stare qui. Da casa, chiedo a chi scrive, a chi guarda, a chi giudica, di fidarsi un po’ di noi e prima di giudicare di riflettere perché queste ragazze sono delle vittime che soffrono, esattamente come la ragazza di Milano (la prima ad aver denunciato Genovese, ndr). Massimo io non te l’ho mai detto: io mi scrivo con lei da quando seguiamo questo caso, perché lei mi scrive sui social. Ho sempre rispettato il suo silenzio ma dopo le tante cattiverie che sono state dette sul suo conto e su queste ragazze… Lei soffre molto e mi ha detto “dillo, urlalo per me”“. Sono sei le denunce contro Alberto Genovese, l’imprenditore finito in carcere il 6 novembre con l’accusa di aver stordito con un mix di droghe e stuprato una diciottenne della sua casa milanese.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serena Bortone negativa al Covid-19 torna alla conduzione di Oggi è un altro giorno (che in realtà non ha mai lasciato)

next
Articolo Successivo

“Alberto Genovese mi ha violentata ma gli voglio ancora bene”: il racconto da Massimo Giletti a Non è L’Arena

next