Le transazioni effettuate nel circuito PagoBancomat che non comparivano nell’app IO tra quelle conteggiate ai fini del cashback sono state recuperate dal sistema. O lo saranno nelle prossime ore, entro la fine della giornata. Molti utenti che avevano lamentato il mancato aggiornamento negli scorsi giorni stanno vedendo man mano risolversi il problema. Già martedì Bancomat Spa aveva comunicato che “la visualizzazione su App IO delle transazioni a circuito PagoBANCOMAT sarà ripristinata a partire dal 20 gennaio” e aveva quindi precisato che “è garantita la validità di tutte le transazioni effettuate sinora, conformi alle regole di partecipazione al Cashback, che saranno quindi nuovamente visibili al momento del ripristino del servizio”.

Anche la stessa app nelle scorse ore aveva introdotto un avviso nella schermata del cashback per tranquillizzare gli utenti. Inizia inoltre ad aggiornarsi anche la classifica del Supercashback, il maxi-rimborso da 1.500 euro che premierà i 100mila iscritti che al 30 giugno avranno effettuato il maggior numero di transazioni, a prescindere dal loro importo totale. La classifica non compare ancora a tutti gli utenti, ma la funzione è in via di implementazione. Ad oggi – ore 12 del 20 gennaio – rientrano tra i 100mila coloro che hanno effettuato 26 o più pagamenti cashless.

La seconda fase del cashback, dopo la sperimentazione tra l’8 e il 31 dicembre, ha preso il via l’1 gennaio e si chiuderà il 30 giugno. Potranno accedere al rimborso tutti gli utenti che hanno effettuato almeno 50 transazioni. Per ogni acquisto effettuato con una carta registrata tra quelle da conteggiare per il cashback (senza dimenticare che se è una carta ha due circuiti di pagamento bisogna inserirli entrambi, ndr) è previsto un rimborso del 10%. Valgono tutte le transazioni uguali o superiori a 1 euro. Ma per ogni transazione il rimborso massimo sarà di 15 euro. Tradotto: una spesa di 150 euro e una di 300 daranno entrambe diritto a 15 euro di cashback. Dal conteggio sono esclusi tutti gli acquisti effettuati online.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Gualtieri: “Varati aiuti per 108 miliardi di cui 48 per le imprese. Ora intervento perequativo che guarderà a perdite dell’intero 2020”

next