Lee Jae-oyong, alla guida del gruppo Samsung dalla morte del padre e fondatore nell’ottobre scorso, è stato riconosciuto colpevole di corruzione e appropriazione indebita per fatti risalenti al 2016, condannato a due anni e mezzo di prigione e immediatamente arrestato. Lo scrive l’agenzia sudcoreana Yonhap. Con l’arresto di Jae-Yong, l’impero tecnologico della Samsung, principale produttore di smartphone e chip di memoria al mondo, resta senza guida.

Nel 2016 lo scandalo nato intorno alle accuse di corruzione aveva scatenato proteste di piazza sfociate nella rinuncia all’incarico dell’allora presidente Park Geun-hye.
L’Alta corte di Seul ha oggi ritenuto Lee colpevole di aver corrotto la allora presidente e il suo consigliere per ottenere il sostegno del governo per una fusione tra due affiliate della Samsung nel 2015 che ha contribuito a rafforzare il controllo sul più grande gruppo imprenditoriale del Paese.

Gli avvocati di Lee, 52 anni, lo hanno definito vittima dell’abuso di potere presidenziale e hanno descritto l’accordo del 2015 come parte della “normale attività commerciale”. L’accusa aveva chiesto una pena di nove anni di carcere. Non è chiaro se l’imprenditore ricorrerà in appello.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zaki, attesa per la decisione del tribunale: il 28enne tenuto in aula più di 10 ore. I suoi avvocati: “Si trova in condizioni disumane”

next
Articolo Successivo

I complotti sono sintomo di irrazionalità: la democrazia può sopravvivere così?

next