I procuratori sudcoreani hanno perquisito gli uffici della Samsung e di un fondo pensionistico nazionale (Nps) nell’ambito dell’indagine sullo scandalo di corruzione che coinvolge la presidente Park Geun-hye e la sua amica Choi Soon Sil che ha portato a proteste di piazza con partecipazione record. Lo ha riferito l’agenzia di stampa Yonhap e confermato da una portavoce del gigante dell’elettronica. In particolare sono quattro i luoghi presi di mira dai procuratori: la sede di Nps, gli uffici di Nps Investment Management, gli uffici di Samsung Group e gli uffici di un ex funzionario della sezione gestione investimenti di Nps.

Gli inquirenti stanno cercando di capire se Park, sotto pressione del National pension service (Nps) e dell’amica “sciamana” Choi, attualmente in arresto per abuso di potere e altri capi d’accusa per il ruolo influente svolto negli affari di Stato, abbia favorito Samsung nella fusione avvenuta lo scorso anno con la Cheil Industries. L’ipotesi accusatoria è che il gigante dell’elettronica abbia pagato Choi per convincere la presidente per ottenere favori e finanziamenti da grandi gruppi industriali. A giocare un ruolo chiave, con l’ok risolutivo alla fusione, è stato poi il fondo pensionistico, che è il terzo più grande del mondo. Si allarga così l’indagine per abuso d’ufficio e corruzione che sta travolgendo la presidenza, arrivando a coinvolgere anche le relazioni tra governo e importanti imprese nazionali.

Il 20 novembre, Lee Young-ryeol, il procuratore che guida l’indagine, aveva fatto sapere che sono 53 i conglomerati che sono stati “costretti a contribuire” al finanziamento delle fondazioni che hanno sostenuto le politiche della presidente, “temendo svantaggi diretti e indiretti alle attività di impresa, come ispezioni fiscali”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palla di fuoco nei cieli della Florida. Il meteorite nei video delle volanti della polizia

prev
Articolo Successivo

Esplode impianto chimico in Kansas, evacuate le abitazioni circostanti. Tre feriti, uno è grave

next