Rosaria Cannavò, detta Sarina, è stata tra le protagoniste indiscusse dell’ultima puntata di C’è Posta per te. I social l’hanno incoronata come regina della serata, facendola diventare in poco tempo trend su Twitter, e in molti ne hanno apprezzato la spontaneità. Non si può dire lo stesso, invece, per la scelta della produzione: nel promo uscito nella giornata di sabato, infatti, è stato diffuso un incidente accaduto proprio a Sarina. La signora perde la dentiera, riuscendo però a fermarla con la mano senza farla cadere rovinosamente a terra, mentre sta parlando con Maria De Filippi tra l’ilarità generale del pubblico e qualche risata anche delle stessa conduttrice. “Ci sarà spazio anche per le risate”, si legge nella didascalia del promo lanciato su Instagram. Una scelta che non ha fatto impazzire gli spettatori, anzi. In molti hanno commentato contrariati, sottolineando che la scena “non fa ridere”.

L’incidente è stato poi “tagliato” nella puntata integrale andata in onda sabato in prima serata. O meglio, alla fine è stata scelta un’altra inquadratura per lasciare intatta la conversazione con la conduttrice: Sarina è ripresa di spalle, si vede il pubblico ridere ma non la scena in questione.

Ma qual è la storia della signora Sarina? A “chiamarla” in studio è il signor Stefano di 91 anni. Settant’anni fa ha conosciuto una ragazza con cui sarebbe voluto scappare, ma di cui non ricorda il nome né il cognome. Maria De Filippi gli presenta tre signore, ma nessuna è quella “giusta”. Poi arriva in studio Sarina che con la sua simpatia travolge tutti, compresa la De Filippi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matilde Brandi in lacrime a Verissimo: “L’anello che aspettavo non è mai arrivato, Marco mi ha lasciata con un messaggio”

next
Articolo Successivo

Melissa Satta e la frecciatina a Boateng in diretta ad Affari Tuoi: Carlo Conti reagisce così

next