“L’Aria di domenica”, lo spin off de L’Aria che tira nel giorno festivo, è durato solo sei puntate. La trasmissione condotta da Myrta Merlino, in onda dal 15 novembre, non è tornata in onda domenica 10 gennaio dopo la pausa natalizia. Uno spazio informativo in onda su La7 dalle 14.10 alle 16.35 che la rete ha deciso di archiviare. Al momento dei saluti la padrona di casa aveva ringraziato i colleghi nel cast fisso, Vauro Senesi e Gerardo Greco, ringraziandoli per questo “viaggetto domenicale che continuerà, vi faremo sapere“.

La trasmissione non è più prevista in palinsesto, colpa dei bassi ascolti inferiori al mezzo milione di telespettatori con il 2,3% di share. Un nuovo esperimento in una giornata televisivamente complicata con la concorrenza di Lucia Annunziata su Rai3, Quelli che il calcio su Rai2 e di Domenica In su Rai1. Sospensione per bassi ascolti, definizione da cui scappa la giornalista napoletana: “Esperimento pienamente riuscito perché ha raggiunto il target prefissato del 3% di share, un risultato raggiunto in anticipo rispetto ai tempi previsti e richiesti dall’azienda. L’Aria di domenica si è dimostrato che un programma del genere la domenica può ottenere un buon riscontro dal pubblico per questo stiamo ragionando su una sua riedizione nel medio periodo“, ha dichiarato al sito Tvblog.

La Merlino ha poi aggiunto: “Al momento sono totalmente concentrata sulla striscia quotidiana de L’Aria che tira perché vogliamo seguire al meglio questa fase storica del nostro Paese che sul piano politico, dell’economia e della cronaca, in particolare per quel che riguarda l’emergenza sanitaria, offre continui spunti di analisi e di riflessioni. In questo momento direi che non è manco un lavoro giorno per giorno, ma minuto per minuto.”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maria De Filippi da Fazio con spot a “C’è posta per te” diventa un caso: la rabbia unanime di Lega, Pd, Italia Viva e Laganà

next
Articolo Successivo

Cartabianca, Bianca Berlinguer si infuria per i rumori in studio mentre parla Renzi. E Galli per il ritardo: “Sono molto scocciato”

next