Sulla scuola non è necessario “rischiare, dobbiamo fare delle cose con intelligenza. Comprendendo che siamo nel pieno di una pandemia, ci sono dei rischi cosiddetti accettabili: a scuola si può andare se le condizioni sono compatibili”. Lo ha detto a Buongiorno, su Sky TG24, il coordinatore del Comitato tecnico scientifico Agostino Miozzo, parlando del ritorno in classe previsto per l’11 gennaio ma già rimandato in alcune Regioni. “La curva si è stabilizzata – ha aggiunto – ma non si sta abbassando come auspicheremmo che si abbassi. Il sistema sanitario sta reggendo, è in sofferenza in molte regioni del Paese, però la macchina sta perfettamente tenendo. Siamo preoccupati dell’evoluzione”

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dentro l’enorme voragine all’ospedale del Mare di Napoli: ecco le auto inghiottite dal crollo. Il video dei vigili del fuoco

next
Articolo Successivo

Qanon Italia, i trumpisti di casa nostra si raccontano: “La pandemia è finta”. L’inchiesta di FQ MillenniuM sui complottisti

next