Il nuovo anno potrebbe iniziare senza più un posto di lavoro per più di settanta lavoratori dell’Agenas, l’agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali. Dopo oltre dieci anni di precariato scadrà infatti il prossimo 31 dicembre la proroga del contratto. Si tratta di personale amministrativo che un emendamento di Liberi e Uguali alla legge di bilancio, sostenuto anche dal ministro della Salute Roberto Speranza, avrebbe dovuto finalmente stabilizzare. L’emendamento è stato però bocciato dalla Funzione Pubblica perché i precari di Agenas non possono rientrare nella cosiddetta ‘Legge Madia’, che ne garantirebbe il salvataggio.

La situazione è drammatica” commenta Francesco Raparelli, coordinatore nazionale Clap (Camere del Lavoro Autonomo e Precario) in presidio insieme alle sigle sindacali confederali di fronte al ministero della Salute. “Rischiano di rimanere senza lavoro nonostante forniscano da anni assistenza e consulenza tecnica al Ministero della Salute”. In circa 40 precari si sono ritrovati sotto la sede del ministero per il quarto presidio dall’inizio della vertenza. Ma qui c’è l’ennesima beffa: sono solo poco più della metà dei lavoratori a rischio, perchè parte di loro è stata chiamata a colloquio dall’Agenzia proprio oggi per una selezione per titoli ed esami che prevede altri contratti di collaborazione a tempo. Molti però non accettano più “promesse”, ma vogliono qualcosa di “concreto”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, con il Covid è boom di famiglie beneficiarie nelle grandi città: a Milano e Roma +36% rispetto a un anno fa

next