Fisico androgino e volto dai lineamenti marcati. Con il suo portamento aristocratico e il suo spirito ribelle, è stata una delle regine che ha calcato le passerelle degli anni ’90. Il mondo della moda piange la scomparsa della top model scozzese Stella Tennant, ex volto di Chanel e musa di Karl Lagerfeld, morta martedì 22 dicembre pochi giorni dopo aver compiuto 50 anni. L’annuncio della scomparsa è stato dato dalla sua famiglia: “È con grande tristezza che annunciamo la morte improvvisa di Stella Tennant”. Le cause della morte non sono state ancora chiarite, ma la Bbc ha precisato che un portavoce della polizia inglese ha escluso “circostanze sospette”. “Stella era una donna meravigliosa e un’ispirazione per tutti noi. Ci mancherà moltissimo”, ha detto la famiglia in una dichiarazione.

Tennant ha sfilato per i più grandi stilisti, da Versace a Alexander McQueen, in campagne pubblicitarie di Calvin Klein, Jean Paul Gautier e Burberry ed è stata immortalata sulle copertine di Vogue e Harper’s Bazaar. Stella Tennant era nata nel 1970 a Chatsworth in una famiglia aristocratica britannica: la top model era la nipote diretta di Andrew Cavendish, undicesimo duca del Devonshire, e di Deborah Mitford. Tennant si era ritirata dal mondo della moda nel 1998 perché era incinta del suo primo figlio, ma in seguito è tornata a sfilare. Ha sposato il fotografo di origine francese David Lasnet nel 1999.

Il suo debutto sulle passerelle risale al 1994 e nel 1996 fece scalpore sfilando con un microbikini di Chanel. Tennant è stata una delle più grandi modelle britanniche degli anni ’90, per poi diventare il nuovo volto di Chanel, scelta da Lagerfeld. La casa di moda Versace ha reso omaggio a Tennant su Twitter: “Versace è in lutto per la morte di Stella Tennant. Stella è stata per molti anni la musa di Gianni Versace e amica di famiglia. Ci mancherai per sempre Stella. Riposa in pace”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo Conti e il nuovo Affari Tuoi (Viva gli Sposi): “Cambiano molte cose, e tra gli ospiti Nino Frassica e Diletta Leotta”

next
Articolo Successivo

Lopalco furente: “Scene sconfortanti”. Ecco cosa hanno fatto due individui alle spalle dell’inviata Rai

next