Voti sugli emendamenti a rilento sabato pomeriggio, un rush notturno, poi la ripresa dei lavori domenica mattina interrotta dalle proteste delle opposizioni che parlano di “gestione vergognosa” da parte del governo delle proposte di modifica, per le quali c’era a disposizione la cifra monstre di 800 milioni. Alla fine l’approdo della manovra in aula alla Camera slitta da lunedì 21 a martedì 22, un ritardo senza precedenti. Mancano dieci giorni alla fine dell’anno e Montecitorio non avrà tempo di fare altre modifiche. Per non parlare del Senato dove il maxiemendamento finale farà solo un passaggio lampo.

Tra la nottata e domenica pomeriggio, dopo la cig per gli autonomi e l’anno bianco fiscale per le partita Iva danneggiate dal Covid, sono state approvate proposte che vanno dal credito di imposta per sostituire rubinetti e soffioni della doccia con apparecchi a risparmio idrico (“bonus bagno“, stanziamento 20 milioni) a quello per le spese sostenute dai cuochi professionisti per macchinari e corsi (“bonus chef”, 1 milione) passando per il bonus auto elettrica riservato a chi abbia Isee sotto i 30mila euro. Per non parlare delle usuali mance – 3 milioni di euro – a festival, cori, bande e altri 3,9 milioni “per garantire le celebrazioni degli 800 anni dal primo presepe“. Passando ai capitoli più “pesanti”, i 5 Stelle hanno incassato il via libera alla proroga del superbonus al 110% per l’efficientamento energetico degli immobili e la sicurezza anti-sismica per tutto il 2022 (ora è finanziato fino a dicembre 2021). Se entro giugno 2022 sono stati effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo la detrazione spetta infatti anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022. Il Movimento ha annunciato la presentazione di un odg per chiedere l’estensione al 2023.

Passato anche l’emendamento a prima firma Lepri (Pd), che cancella l’articolo 108 della manovra sull’obbligo per le associazioni no profit di aprire partita Iva: la norma aveva scatenato le proteste del terzo settore. E ha avuto via libera l’assunzione a tempo determinato per nove mesi di 3.000 medici e 12.000 infermieri nel quadro del piano vaccini anti Covid.

Fondi Ue dirottati dalla decontribuzione al Sud – Un correttivo presentato dal governo stabilisce poi che parte dei fondi europei del programma React Eu destinati inizialmente alla decontribuzione per i lavoratori del Sud vadano ad altre misure: i 3,5 miliardi previsti per il 2021 e per il 2022 diventano 1,491 l’anno prossimo e 2,5 nel 2022 e la differenza va a finanziare i bonus assunzioni di giovani e donne, il fondo garanzia Pmi, i contratti di formazione di medici specializzandi, la proroga del ricorso al personale sanitario assunto a tempo determinato, il Fondo sanità e vaccini e la riduzione delle tasse di iscrizione all’università.

Bonus per cambiare i rubinetti e comprare filtri – Arriva un bonus da 1.000 euro per sostituire soffioni della doccia, rubinetti e tazze del wc con moderni apparecchi che consentano il risparmio dell’acqua: viene istituito un apposto fondo al ministero dell’Ambiente con 20 milioni che costituiscono limite di spesa. In parallelo è passato anche un emendamento che attiva un credito d’imposta del 50% per l’acquisto e l’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione, raffreddamento e/o addizione di anidride carbonica. Lo sconto fiscale per l’acquisto dei filtri, mirato a ridurre l’uso di contenitori di plastica, arriverà a massimo 1.000 euro per le abitazioni private e a 5.000 euro per i pubblici esercizi. Previsto un finanziamento di 5 milioni l’anno per il 2021 e il 2022.

Bonus auto per acquisto veicoli elettrici e ibridi – Bonus auto di ulteriori 2.000 euro per l’acquisto di veicoli elettrici e ibridi, che si aggiungono agli incentivi previsti dai decreti Rilancio e Agosto, più un incentivo di 1.500 euro per gli euro 6 di ultima generazione da acquistare nel periodo che va dal primo gennaio al 30 giugno 2021. A fronte della rottamazione di una vecchia auto (almeno 10 anni) è previsto un incentivo di 3.500 euro, del quale 1.500 saranno finanziati dallo Stato e 2mila scontati dal venditore. Vengono poi stanziati 120 milioni per l’acquisto di autovetture elettriche fino a fine dicembre. Fondo infine da 50 milioni per l’acquisto di veicoli commerciali.
Ma ci sarà anche un bonus fino al 40% delle spese sostenute per acquistare un’auto elettrica di costo inferiore a 30mila euro entro il 2021, a patto di avere un Isee inferiore ai 30mila euro. Stanziati 20 milioni. Un altro emendamento impone a tutti i concessionari autostradali di installare colonnine di ricarica per veicoli elettrici di ultima generazione lungo le tratte di loro competenza almeno ogni 50 chilometri.

Sale a 16mila euro il tetto del bonus mobili – Sale da 10mila a 16mila euro il tetto per il bonus mobili. La detrazione resta pari al 50 per cento delle spese documentate per l’acquisto di mobili in occasioni di ristrutturazioni.

Proroga tutele per i lavoratori fragili – Prorogate al 28 febbraio 2021 le tutele per l’assenza dei lavoratori fragili previste dal decreto cura Italia. Il periodo di assenza dal servizio continuerà ad essere equiparato al ricovero ospedaliero a patto che sia “prescritto dalle competenti autorità sanitarie, nonché dal medico di assistenza primaria che ha in carico il paziente”. Inoltre di norma i fragili potranno svolgere la prestazione lavorativa in modalità agile, “anche attraverso l’adibizione a diversa mansione ricompresa nella medesima categoria o area di inquadramento”. I soggetti interessati sono “dipendenti pubblici e privati in possesso di certificazione rilasciata dai competenti organi medico-legali, attestante una condizione di rischio derivante da immunodepressione o da esiti da patologie oncologiche o dallo svolgimento di relative terapie salvavita, ivi inclusi i lavoratori in possesso del riconoscimento di disabilità con connotazione di gravità”.

Rimborso spese legali agli assolti – Gli assolti con formula piena avranno diritto al rimborso delle spese legali sostenute per difendersi. Lo prevede un emendamento presentato Enrico Costa (Azione), che è stato approvato all’unanimità. La proposta è stata sottoscritta anche da Lucia Annibali (IV) e Maurizio Lupi (NCI) e sostenuta da Lega, Pd e Forza Italia. Il budget annuale è di 8 milioni di euro e si prevede un limite massimo di 10.500 euro di rimborso.

Il ministro dovrà riferire su fusioni di Mps – Il ministro dell’Economia dovrà riferire in Parlamento “preventivamente” in ordine a eventuali operazioni di aggregazione o di variazione di partecipazione detenuta dal Tesoro in Mps“. Non cambia invece la misura sulle imposte anticipata pensata per favorire le aggregazioni, a cui si era opposto il Movimento 5 Stelle.

Aiuti al turismo – Il settore turistico, molto danneggiato dalla pandemia, incassa alcuni ulteriori aiuti. Ci sono l’esenzione della prima rata Imu 2021 per strutture turistico ricettive, stabilimenti balneari (ma anche fiere e sale da ballo), l’estensione del credito di imposta sugli affitti all’intero comparto, incluse agenzie di viaggio e tour operator, fino al 30 aprile 2021, e il rifinanziamento del Fondo emergenza agenzie di viaggio, tour operator, guide e accompagnatori turistici e bus turistici scoperti, che viene inoltre esteso alle imprese turistico-ricettive. Infine, l’incremento dei fondi del tax credit ristrutturazione strutture turistico ricettive.

Fondi per il tessile, le api e la canapa – Ci sarà un taglio delle tasse del 50% per chi apre una nuova attività nelle zone economiche speciali, le Zes, per i prossimi sette anni, a condizione che le imprese non delocalizzino per 10 anni e conservino i posti di lavoro. Ma sono numerosi anche gli emendamenti a sostegno di singoli comparti e micro settori, cosa che sarebbe vietata (la legge di Bilancio non può contenere norme localistiche o settoriali). Arrivano tra il resto 15 milioni in tre anni per il sostegno dell’industria del tessile – e li prenderà l’Unione industriale biellese – e un fondo da 10 milioni per la tutela ed il rilancio delle filiere apistica, brassicola, quella della canapa e della frutta a guscio.

Iva al 10% su cibo da asporto – L’Iva sul cibo da asporto scende dal 22 al 10% come per il servizio al tavolo.

Stretta fiscale sulle sigarette elettroniche – Stretta in arrivo sulla tassazione delle ecig e del tabacco riscaldato. La commissione Bilancio ha approvato due emendamenti riformulati che prevedono per le sigarette elettroniche il rialzo al 15% delle aliquote sui liquidi da inalazione nel 2021, al 20% nel 2022 e al 25% nel 2023 se contengono nicotina, e rispettivamente al 10%, al 15% e al 20% se senza nicotina. In salita anche l’accisa sul tabacco riscaldato che salirà al 30% nel 2021, al 35% nel 2022 e al 40% nel 2023.

Scuole innovative al sud – L’Inail dovrà destinare 40 milioni nel prossimo triennio per la costruzione di scuole innovative nei piccoli Comuni del Mezzogiorno, per contrastare il fenomeno dello spopolamento. Gli investimenti andranno ai Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti delle regioni Abruzzo, Campania, Molise, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna.

Aiuti alle madri con figli disabili e alle detenute – Via libera ad un assegno mensile da 500 euro per le mamme single disoccupate o monoreddito con un figlio che abbia una disabilità di almeno il 60%. Fondo con una dotazione da 1,5 milioni di euro l’anno per ciascun anno dal 2021 al 2023 per il finanziamento dell’accoglienza di genitori detenuti con figli in case famiglie. E un’altra proposta di modifica approvata porta a 30 milioni la dotazione del fondo istituito presso il Ministero del Lavoro destinato a interventi per i caregiver familiari.

Test e screening medici – Test genomici rimborsati per il tumore al seno in stadio precoce. Via libera anche a risorse per 15 milioni di euro per tre anni in totale per lo screening neonatale, in particolare per gli accertamenti diagnostici neonatali obbligatori per la prevenzione e la cura delle malattie metaboliche ereditarie, delle malattie neuromuscolari genetiche, delle immunodeficienze congenite severe e delle malattie da accumulo lisosomiale. Approvata anche la spesa pari ad un milione l’anno per tre anni per lo studio, la ricerca e la valutazione dell’incidenza dell’endometriosi.

Indennizzi ai lavoratori malati di mesotelioma – Via libera agli indennizzi, attraverso il Fondo amianto, per i lavoratori malati di mesotelioma non professionale a carico di Inail con un versamento di 10mila euro una tantum a lavoratore.

Istituti tecnici e affitti degli studenti – Via libera a 20 milioni di euro per il potenziamento per progetti finalizzati alla valorizzazione del sistema di istruzione e formazione tecnica superiore e per migliorare l’occupabilità dei giovani diplomati. Stanziati poi 15 milioni di euro per sostenere il pagamento degli affitti degli studenti fuori sede.

Via libera alla proroga, fino al 31 dicembre 2021, dei contratti a tempo per i lavoratori socialmente utili in Calabria.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gualtieri: “Per la sanità nel Recovery plan 16 miliardi totali. Lettera di Mersch sul cashback? Lui sosteneva che le banconote da 500 euro non favorivano il riciclaggio”

next
Articolo Successivo

Congressi azzerati, per gli organizzatori il lockdown non è mai finito. “Fatturato giù del 90% e risparmi finiti: abbiamo paura di non farcela”

next