Il gup di Roma ha condannato a otto anni Pietro Genovese per aver investito tra il 21 e 22 dicembre dello scorso anno in Corso Francia a Roma Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli. Avevano entrambe 16 anni: stavano attraversando la strada e furono centrate in pieno dal suv su cui era a bordo Genovese. Il pm di Roma Roberto Felici aveva chiesto 5 anni per il 20enne, che ha scelto il rito abbreviato ed è stato condannato per omicidio stradale plurimo. Alla lettura della sentenza il ragazzo, presente a tutte le udienze e attualmente ai domiciliari, è scoppiato in lacrime.

Giustizia è stata fatta. Un grande dolore ma anche una grande vittoria per noi – hanno commentato le mamme di Gaia e Camilla -. Le bambine non torneranno più a casa ma abbiamo avuto la soddisfazione dell’assenza del concorso di colpa. Le ragazze hanno attraversato sulle strisce, con il verde pedonale, i nostri avvocati sono stati bravissimi a dimostrare ciò. Non ci aspettavamo una sentenza così”. Franco Coppi e Gianluca Tognozzi, difensori di Genovese, hanno invece dichiarato che “la sentenza non rispecchia quello che è emerso dagli atti, soprattutto rispetto al rosso pedonale. Comunque tutte le sentenze si rispettano e le motivazioni ci daranno conto del ragionamento del giudice”. I due legali hanno inoltre aggiunto che “il dramma di Pietro lo ha manifestato lui stesso durante questo processo, la morte di Gaia e Camilla ha cambiato per sempre la sua vita e non pensa ad altro da quel giorno. Evidentemente – hanno concluso – con la pena irrogata vede tutto ancora drammaticamente più buio”.

L’incidente – Le due vittime avevano trascorso una serata con gli amici, alla pista di pattinaggio del vicino Auditorium, festeggiando insieme l’inizio delle vacanze natalizie. Pioveva, correvano per tornare a casa e il suv, guidato dal ventenne, figlio del regista Paolo Genovese, andava a velocità sostenuta, quando le travolse, uccidendole sul colpo. Subito dopo l’impatto, Genovese provò a soccorrere le vittime, ma per loro non ci fu nulla da fare. Lui, sotto choc, venne portato in ospedale per accertamenti e analisi risultando positivo ai test alcolemico tossicologici con un tasso di alcol dell’1,4, tre volte superiore a quello consentito per guidare. In particolare nel caso dei neopatentati, il codice della strada non consente assunzione di alcol per chi guida da meno di tre anni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Suarez, il calciatore depone davanti ai pm. “Ha ammesso di aver saputo le domande in anticipo”

next
Articolo Successivo

Cosenza, truffa sulle pulizie in ospedale: 4 arresti. Indagati anche i vertici della struttura. “Quadro igienico-sanitario allarmante”

next