Pino Pinelli interrogato sul davanzale della questura: a ogni risposta che non va bene lo spingono un pochino. Finché, il ferroviere anarchico cade di sotto. E’ il racconto inedito di Gianadelio Maletti, già numero due del servizio segreto del ministero della Difesa, il Sid, tra il 1971 e il 1975. L’ipotesi dell’ex vicecapo dell’intelligence è stato raccolto da Alberto Nerazzini e Andrea Sceresini la scorsa primavera durante la produzione del podcast d’inchiesta 121269 (Audible), dedicato alla strage di piazza Fontana. Oggi Maletti ha 99 anni, è stato condannato in via definitiva a 12 mesi di carcere per i depistaggi sulla strage di piazza Fontana ed è latitante in Sudafrica dal 1980. Sulla morte di Pino Pinelli, precipitato da una finestra del quarto piano della questura di Milano nella notte tra il 15 e il 16 dicembre 1969, tre giorni dopo la strage di Piazza Fontana, l’ex vicecapo dei servizi dice la sua: “Pinelli si rifiuta di rispondere alle domande. Gli interroganti ricorrono quindi a mezzi più forti e minacciano di buttarlo dalla finestra. Lo strattonano e lo costringono a sedere sul davanzale. A ogni risposta negativa, Pinelli viene spinto un po’ più verso il vuoto. Infine perde l’equilibrio e cade. La morte dell’anarchico non era voluta – racconta il generale – tutti i presenti furono colti da sgomento e apprensione. La verità non li avrebbe sottratti da gravi sanzioni penali. Perciò si impegnarono ad avallare, per il bene proprio e delle istituzioni, la tesi del suicidio”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Basilicata, Calabria, Lombardia e Piemonte in fascia gialla da domenica, Abruzzo arancione. Iss: “Rt a 0,82, ma 5 Regioni a rischio alto”

next
Articolo Successivo

Venezia, la Chiesa chiude il caso di don D’Antiga: il sacerdote ribelle ridotto allo stato laicale dal Vaticano

next