Da Fratelli d’Italia al Partito democratico, e poi ancora il Movimento 5 stelle e la Lega. Tutti i gruppi parlamentari hanno voluto ricordare Paolo Rossi, morto nella notte tra il 9 dicembre e il 10. “Le nostre bandiere sono inchinate davanti a Paolo Rossi”, ha detto il vicepresidente Fabio Rampelli (FdI) aprendo le parole di saluto per il campione del Mondo del 1982. Le sue parole sono state seguite da un lungo ed unanime applauso in piedi dei deputati presenti. “E’ stato una metafora di come nella vita si possa avere successo, si possa cadere e ci si possa rialzare”, ha aggiunto Enrico Borghi del Pd, ricordando che senza lui e senza Diego Armando Maradona “ci sentiamo tutti più poveri”. Anche il parlamentare M5s, Nicola Provenza, ha ricordato commosso il campione: “Ha abitato i nostri sogni di bambini e li ha trasformati in realtà”. Dopo ogni intervento un sentito applauso si è elevato dai banchi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addio a Paolo Rossi, “se n’è andata una parte di noi”: la commozione dei campioni dell’82

next
Articolo Successivo

Paolo Rossi mi piaceva perché aveva scalato il mondo del calcio. Anzi, del pallone

next