“Sembrava un fidanzamento occasionale, che dovesse durare poco. Invece…“. A dirlo è Francesco Rutelli che, ospite di Oggi è un altro giorno su Rai 1, si è lasciato andare a rivelazioni molto personali sulla sua storia d’amore con Barbara Palombelli. “È avvenuto effettivamente in questa strada che si chiamava ‘Via Palombella’, un auspicio. Il primo bacio? Può darsi fossi più timido io ma è una notizia confidenziale…”. E ancora: “I due matrimoni? Forse sono riusciti bene perché non li abbiamo organizzati. Del primo non abbiamo neanche le foto. Ci siamo sposati per sancire un legame ma la cerimonia non era primaria per noi. Il viaggio di nozze? Abbiamo lasciato la macchina e siamo andati a piedi a vedere alcuni dei posti più belli del mondo”.

Poi Francesco Rutelli ha voluto rivelare il segreto del loro legame: “40 anni insieme? Bisogna condividere il più possibile. Aiuta anche il fatto che io abbia lasciato la politica e sia fuori da i riflettori. È una questione di equilibrio”. Lui e Barbara Palombelli hanno adottato tre figli: “Il primo figlio adottato siamo andati in Equador. – ha raccontato l’ex vicepresidente del Consiglio – È stata e rimane una scelta difficile per ogni bambino che abbiamo adottato, non è facile adottare un bambino che ha una storia pregressa importante… Ci hanno insegnato tanto, ognuno di loro“, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Eredità, il super campione Massimo Cannoletta sbaglia apposta una domanda e perde 180mila euro: ecco perché l’ha fatto

next
Articolo Successivo

Valeria Solarino: “Per fare Greta ne ‘L’alligatore’ ho ascoltato molto i Cranberries e studiato Dolores”

next