L’Aula della Camera si è improvvisamente scaldata quando il deputato leghista Daniele Belotti ha definito le modifiche al decreto Sicurezza come “boldrinate“, subito ripreso dal vicepresidente di turno Ettore Rosato. Ne è nato un dibattito, caratterizzato da interruzioni degli interventi e urla, che alla fine Rosato è riuscito a ricondurre alla calma. Belotti, dopo essere stato ripreso da Rosato, ha insistito rivendicando di essere “uomo di strada con 40 anni di curva alle spalle”, ed ha spiegato di aver addirittura trovato una spiegazione del termine “boldrinata” come l’insieme delle azioni “tese a favorire l’immigrazione di massa, specie islamica, al fine di eliminare l’identità italiana e giungere alla sostituzione etnica”. Rosato lo ha richiamato formalmente una seconda volta prima di togliergli la parola.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto di Natale, Zaia contro il governo: “Bozza arrivata alle 2,30, scorretto. Spostamenti vietati tra comuni? Disparità tra periferie e metropoli”

next
Articolo Successivo

Il Covid non è tutto: la sanità pubblica in Lombardia era già compromessa (e ora rischia l’estinzione) – Replica

next