Al via a Milano i tamponi rapidi da parte dei medici di base. Nella palestra della parrocchia di Rogoredo vengono sottoposti al test i pazienti che hanno avuto un contatto stretto con una persona positiva al Covid e che sono al decimo giorno di quarantena. “Ho ricevuto da Ats i primi cento tamponi che danno l’esito senza la necessità di essere processati in laboratorio. In caso di positività diventa necessario il tampone molecolare”, spiega Fabrizio Marrali, medico di famiglia del quartiere alla periferia della città. Ad effettuare i test c’è un medico della zona, volontario della Croce Rossa Italiana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dopo 50 anni la cannabis esce dalla tabella Onu degli stupefacenti. Riconosciuto il valore terapeutico della pianta

next
Articolo Successivo

Il governo approva il decreto Covid: divieto di spostamento tra Regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio. Attesa per il nuovo Dpcm

next