Sospensione è una parola bellissima nella danza e nella vita: essere sospesi, al di sopra delle cose. La sospensione è fondamentale per il ballerino: noi cerchiamo il ballon, che è quasi un’illusione di sospensione in aria. È frutto di grande sforzo tecnico, ma dev’essere all’apparenza molto facile. Dare l’idea di potersi librare in aria, anche soltanto per un secondo”. Roberto Bolle è l’ospite del vicedirettore di Sky Tg24, Omar Schillaci, in “Roberto Bolle – L’attimo sospeso”, il nuovo appuntamento di Stories, il ciclo di interviste dedicate al mondo dello spettacolo, in onda lunedì 30 novembre alle 21 su Sky Tg24, anche su Sky Arte venerdì 4 dicembre alle 15.30 e disponibile On Demand.

L’intervista è l’occasione per ripercorrere la strabiliante carriera dell’étoile, ora in libreria con Parole che danzano, una sorta di vocabolario di termini che hanno dato e danno senso alla sua vicenda artistica, personale e umana. “Ricordo – racconta Bolle – quando è arrivata la lettera in cui si diceva che ero stato preso alla scuola della Scala: è stato un momento molto importante, perché ti cambia la vita. Il futuro cambia completamente, è qualcosa che ti segna in maniera unica”. Che la danza sarebbe stata la sua vita, del resto, è una cosa di cui Bolle si rese conto già quando era molto giovane: “Avevo cinque o sei anni – ricorda – ero a casa e ballavo da solo davanti alla televisione. Era qualcosa che sentivo, un mio modo di esprimermi. Il modo che trovavo per liberarmi ed esprimere le mie emozioni, invece di usare la parola. Ero un ragazzo timido e riservato, nella danza mi sentivo libero di esprimere queste emozioni”.

La stella ha scherzato anche sul suo futuro di “pensionato”: “I ballerini vanno in pensione a 47 anni – spiega – io ne ho 45, quindi sto per andare in pensione, andrò in pensione ad aprile 2022. Secondo me è un buon compromesso: fa strano dire che a 47 anni qualcuno vada in pensione, come età umana si è giovani, ma come età tersicorea in realtà non si è più così giovani. Iniziamo a ballare a livello professionistico quando abbiamo 19 anni ed entriamo in compagnia. Iniziamo la scuola quando abbiamo 11 anni, adesso sono trent’anni che faccio questo lavoro e che spingo il mio fisico al massimo, ad altissimi livelli, chiedendo ogni giorno di più. Ma finché il fisico me lo consentirà andrò avanti”, assicura.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amici 20, Arisa fa scintille con Rudy Zerbi: “Mi fa male la pancia”. Maria De Filippi con coraggio rompe il tabù della depressione in tv

next