Se ti ammali di Covid o di qualsiasi altra malattia, visto che pensi che i nostri trattamenti non servano a nulla, non venire in ospedale. Non ti meriti i nostri sacrifici e le nostre cure”. Michela Isca, infermiera di Pescara, si ritrova sul cruscotto della propria auto, fuori dall’ospedale in cui lavora, un volantino negazionista. Così, una volta a casa, decide di replicare alle “quattro notizie” citate dall’autore del volantino per affermare che il Covid, tutto sommato, non è né un’emergenza né una malattia cui concentrare tante attenzioni e risorse.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicilia, dopo l’audio del manager il ministero della Salute invia gli ispettori per verificare i numeri dei posti nelle Terapie intensive

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 630 morti nelle ultime 24 ore: sono più di 50mila da inizio pandemia. Stabili i nuovi casi: 22.930 con 148mila tamponi

next