“Il calvario di Patrick Zaki va avanti da 9 mesi e mezzo. Ha una serie di accuse assurde, gravi, da adesione a gruppi terroristi a sovversione che potrebbero costargli una condanna all’ergastolo. Lo scopo della detenzione preventiva non ha lo scopo di portare avanti indagini, ma è quello di far dimenticare al mondo Patrick e gli altri arrestati al mondo”, così il portavoce Amnesty International, Riccardo Noury, a proposito delle ultime notizie sulla detenzione di Patrick Zaki in Egitto. Noury lancia quindi un appello: “Faccio un appello alle autorità egiziane affinché Patrick entro il capodanno copto, il 7 gennaio, sia rilasciato, e al governo italiano di fare tutto il possibile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco riceve in udienza privata i giocatori Nba per parlare di giustizia sociale

next
Articolo Successivo

Parità di genere, sul lavoro la situazione italiana è migliorata ma distanze sono ancora nette: “Senza interventi serviranno 477 anni”

next