È il terzo brand di gin lanciato sul mercato dalla casa reale. Ma stavolta è ancora più “vicino” degli altri alla regina Elisabetta. Non solo perché, com’è risaputo, alla sovrana piace farsi un bicchiere ogni tanto, per rilassarsi. Ma anche perché questa limited edition, il Sandringham Celebration Gin, viene prodotto proprio con le piante che crescono a Sandringham, proprietà esclusiva di Betty. L’edizione limitata è prodotta nella distilleria locale Whatahoot ed è in vendita online (quando riaprirà il negozio di souvenir della residenza sarà possibile trovarlo anche lì). I produttori lo descrivono come un “perfetto regalo di Natale”. Il costo? 50 sterline per 50 cl. Ma qual è il drink preferito della Regina? Gin (naturalmente) con un po’ di Dubonnet, il “cocktail Dubonnet” (pare fosse il preferito anche della Regina madre che amava berlo con ghiaccio). Qualcuno ricorderà che Darren McGrady, ex chef della casa reale, aveva raccontato al Telegraph di come la Regina in realtà “beva volentieri 4 drink al giorno. Si comincia prima di pranzo con gin e Dubonnet, a pranzo un bicchiere di vino e un martini secco fin chiudere. Infine prima di cena, un bicchiere di champagne”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iva Zanicchi: “Anche Gerry Scotti li ha persi e io, niente”

next
Articolo Successivo

Nek operato d’urgenza in ospedale: ha avuto un incidente in campagna

next