“Ci si preoccupa delle prossime feste, ma ora abbiamo il dovere di analizzare cosa succederà a Pasqua se questa seconda ondata non verrà soppressa come si deve”, così Massimo Galli, direttore delle Malattie Infettive dell’Ospedale Luigi Sacco di Milano, durante il convegno “Covid Geo: Comunità sicure. Scienza e tecnologia per ripartire in sicurezza e per sempre” organizzato da Anci. Il rischio, spiega, è di “fare come con le diete molto concentrate” arrabbiandosi poi “se si ingrassa un chilo alla settimana”. “O si riesce a trovare un mantenimento, almeno fino a quando non arriverà il vaccino, o la terza ondata è scontata”, conclude.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino antinfluenzale, caos al tendone in piazza Duomo: “Prenotazione? Non sapevo servisse”. “Ho provato a chiamare, ma non hanno risposto”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 699 morti in 24 ore: sono quasi 10mila solo a novembre. Casi stabili: 37242 nuovi positivi con 238mila tamponi

next