Le notizie sul ritardo dell’Italia nella presentazione del proprio piano sul Recovery Fund sono “notizie destituite di ogni fondamento, e lo dico col rispetto che si deve alla stampa però con la chiarezza delle procedure a Bruxelles. Ho letto di uno scenario di allarme dalla Commissione, ma proprio ieri c’è stata la conferenza stampa in cui due commissari europei hanno detto che non c’è nessuna preoccupazione sulla presentazione dei piani. Altri dicono che ci sarebbe un litigio nel governo tra me e Gualtieri, ma ieri fino a mezzanotte, assieme a Conte abbiamo lavorato perché ci sono dettagli tecnici molto importanti, il clima è buono”. Lo ha detto a Start, su Sky Tg24, il ministro per gli Affari europei, Enzo Amendola.

“La Commissione – ha aggiunto – chiede che da ottobre fino a dicembre ogni Paese discuta delle proprie linee guida, dell’impostazione sui progetti, dell’utilizzo delle risorse e delle riforme. E lo fa in un dialogo informale per costruire insieme il piano. Non c’è nessun Paese che ha presentato il piano nazionale la presentazione ufficiale ci auguriamo che avverrà a gennaio, certo siamo preoccupati per il veto ungherese e polacco che potrebbe ritardare tutte le procedure, ma il lavoro è di completa collaborazione con la Commissione”.

Video Sky Tg24

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bce, Lagarde risponde a Sassoli: “Cancellazione del debito? La mia risposta è molto breve, va contro i trattati”

next
Articolo Successivo

Migranti, Von der Leyen: “Mostrare solidarietà a Italia, Grecia e Spagna per i loro sforzi. Serve un compromesso per gestire i flussi”

next