“Un Covid hotel in ogni provincia” ha scandito il Commissario Arcuri nel giorno in cui il governo gli ha affidato anche la partita degli alberghi per positivi che non richiedono cure su cui ancora una vola le regioni hanno dimostrato di muoversi in ritardo. Perfino dove la struttura già c’è, ed è stata inutilmente proposta da mesi. Succede a Varese, città risparmiata dalla prima ondata e travolta dalla seconda. Già a marzo, quando il Covid l’aveva solo lambita, il sindaco aveva chiesto da Ats Insubria e a Regione Lombardia di utilizzare “Villa Quiete”, una ex clinica sanitaria abbandonata da tre anni, proprio in centro città e a pochi passi dal principale ospedale covid di Varese. Voleva farne un Covid Hotel dove ricoverare 60 pazienti positivi in regime di sorveglianza o in via di guarigione, ed evitare così che rimanessero a intasare gli ospedali o a contagiare i parenti tra le mura di casa.

Esattamente l’operazione che il governo ha appena deciso di affidare al commissario Domenico Arcuri, sul fronte che dovrebbe garantire spazi alternativi agli ospedali “in cui sia possibile garantire un tetto a chi è in isolamento domiciliare e non può stare a casa se non rischiando di moltiplicare i contagi nel suo nucleo familiare che è epicentro più alto della seconda ondata o assicurare cure adeguate a chi ha sintomi lievi e non per questo deve essere ricoverato in ospedale in luogo di altri malati con patologie più gravi”. Di fatto è l’ennesimo commissariamento di una competenza che a luglio era stata espressamente affidata alle regioni con risultati a dir poco scarsi.

In provincia di Varese, lo può ben testimoniare il sindaco Davide Galimberti. Perché una struttura l’aveva non solo chiesta già a marzo, ma l’aveva pure individuata ottenendo il placet del tribunale. “La Quiete” è una clinica sanitaria abbandonata ormai dal 2017 per fallimento che sta in centro, molto vicino all’unico ospedale covid della città e dunque anche in posizione strategica. Una serie di oleandri in fila, una villa rosa in stile liberty di quattro piani con annessa palazzina nel cuore della città ora travolta da contagi e ricoveri.

“Ats e Regione all’epoca non ritennero necessario procedere”, racconta Galimberti. “Poi è arrivata la seconda ondata che ci ha travolti e la città oggi, coi pronti soccorso e i reparti in enormi difficoltà, non ha alcun covid hospital nonostante fossero state date tante disponibilità, non solo a Varese ma anche nell’area di Malpensa che ha decine di strutture che sono chiuse da mesi causa Covid”.

Insomma, un ritardo di otto mesi che ora – in piena emergenza – presenta il conto. Come sia successo è surreale. A metà ottobre (solo a ottobre), la Regione ha fatto una delibera per trovare strutture idonee e incentivare gli albergatori con un contributo a paziente ospitato. Ma Ats Insubria solo il 3 novembre ha emanato una bando per reperire strutture in tutta l’area. Il l bando sarà chiuso il 17 novembre, dopodiché dovranno essere verificate con sopralluoghi, adeguamenti, permessi, contratti di comodato d’uso etc. “E’ chiaro – chiosa Galimberti – che una procedura pubblica garantisce trasparenza ma richiede ben altri tempi. Non vorrei che il covid hotel spuntasse fuori a Natale, magari durante il picco che ci aspetta. Bisogna trovare presto una soluzione”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lazio, i posti nei reparti Covid sono di nuovo finiti: ospedali spostano interventi ordinari in cliniche private. Allo studio nuove misure

next
Articolo Successivo

Arcuri: “Un Covid hotel per ogni provincia, sono necessari per alleggerire pressione su ospedali”

next