Centinaia di manifestanti si sono riuniti nei pressi della Casa Bianca, dove si trova la barriera eretta a protezione della residenza presidenziale. Tra di loro ci sono sostenitori del presidente Donald Trump e sostenitori democratici, soprattutto attivisti del movimento Black Lives Matter. Molti si sono riuniti in Black Lives Matter Plaza: il tratto della 16esima strada, tra H e K Street, con la scritta gialla simbolo del movimento contro il razzismo, è colma di giornalisti, attivisti, musica, giovani in bici o con il monopattino. Gli organizzatori stanno distribuendo bottigliette di acqua gratis e gel igienizzante.

Attorno alle 17 (ora locale) ci sono stati degli scontri tra i manifestanti e la polizia, dopo che gli attivisti si sono rifiutati di spostare un veicolo parcheggiato illegalmente: un manifestante è stato arrestato. La mobilitazione del movimento anti-razzista è molto partecipata, ma a parte qualche momento di tensione, è pacifica. La zona è controllata da decine di agenti di polizia e del Secret Service.

Nel fine settimana la città di Washington si è preparata alle possibili rivolte nel caso in cui si Trump vinca le elezioni. Molti negozianti hanno installato barriere agli ingressi per paura di tumulti in strada. Precauzioni prese anche dalla stessa White House, che è stata di nuovo circondata dalle stesse protezioni installate durante le proteste della scorsa estate. L’esterno di alberghi, caffetterie e ristoranti è completamente ricoperto di compensato, con alcune barriere improvvisate sulle vetrine e gli ingressi.

Il Comitato nazionale repubblicano ha spostato il proprio quartier generale della notte elettorale dal centro di Washington in una località segreta nella città, adducendo come giustificazione preoccupazioni di sicurezza legate alle eventuali proteste popolari. Lo ha fatto sapere una giornalista di Axios, su Twitter. Nel frattempo, alla Casa Bianca alcune centinaia di ospiti si sono radunati per aspettare i risultati elettorali intorno a un banchetto: mangiano antipasti, aperitivi e patatine fritte.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni Usa 2020, ecco i governatori repubblicani che non votano per Trump: dalla scheda bianca a chi sceglie Biden

next
Articolo Successivo

Elezioni Usa 2020, i complottisti di QAnon arrivano al Congresso: eletta la filo-trumpiana Marjorie Taylor Greene

next