Francesco Totti è positivo al coronavirus. L’ex capitano della Roma nei giorni scorsi ha avuto i sintomi tipici del Covid, accusando febbre e una sensazione di debolezza. Per questo ha deciso di fare il tampone ed è risultato positivo. Le sue condizioni sono già in miglioramento. Poche settimane fa, il 12 ottobre, è morto il papà di Totti, Enzo. Lo Sceriffo, come era stato soprannominato dal figlio e dai suoi ex compagni di squadra giallorossi, aveva 76 anni ed era ricoverato allo Spallanzani proprio dopo aver contratto il coronavirus. Enzo Totti non è riuscito a riprendersi dalla malattia anche a causa di un infarto che lo colpì qualche anno fa, quando il figlio indossava ancora la maglia romanista.

Oggi Totti ha voluto ricordare l’attore romano Gigi Proietti, morto nel giorno del suo 80esimo compleanno. “Va via un pezzo della nostra Roma, quella vera passionale e allegra. Come definire Gigi, era un grande e il suo sorriso è stato e rimarrà unico”, ha scritto in esclusiva per Il Foglio. “Gigi era presente al ricevimento per il mio matrimonio, ci vedevamo in qualche occasione e con la sua allegria e il suo grande carisma trasmetteva sempre grande gioia. Mi ha seguito per tutta la carriera da calciatore, era un grande tifoso romanista e ha rappresentato Roma nel mondo come solo noi veri romani sappiamo fare. Gigi ti voglio bene, anche dal cielo ci farai stare allegri. Roma ti sarà sempre grata”, si legge nella lettera.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ogni maledetto lunedì – Al Milan c’è una forza ultraterrena. Che porta il numero 11

next
Articolo Successivo

Diego Armando Maradona è ricoverato in ospedale in Argentina. “Non sta bene psicologicamente, ha bisogno di aiuto”

next