“Oggi più che mai ho capito quanto sei stato importante nella mia vita. Ciao papà. Anzi, ciao Sceriffo… fai buon viaggio”. Così Francesco Totti ha salutato in un post il padre Enzo, morto lunedì 12 ottobre all’ospedale Spallanzani di Roma, dove era ricoverato, all’età di 76 anni dopo essere risultato positivo al coronavirus. I funerali si sono svolti questa mattina nella chiesa di Santa Maria del Carmelo di Mostacciano. Un rito in forma privata come da disposizioni Covid e da volontà della famiglia. All’interno della chiesa erano presenti solo trenta persone, con circa un centinaio all’esterno per far sentire vicinanza e alla famiglia Totti. Presenti alcuni degli amici dell’ex numero 10 giallorosso come Vincent Candela, Bruno Conti, Vito Scala e l’ex preparatore dei portieri della Roma Guido Nanni. La società di Trigoria ha omaggiato il papà dell’ex capitano con una corona di fiori.

“Ciao papà, ho trascorso i 10 giorni più brutti della mia vita, sapendo che stavi là da solo combattendo contro il male e non potendoti vedere, parlare, abbracciarti, stringerti, avrei fatto qualsiasi cosa pur di stare là vicino a te”, scrive l’ex capitano della Roma. “Ora la mia vita sarà diversa perché sono cresciuto con dei valori importanti ed è per questo che voglio ringraziarti papà, per tutto quello che hai fatto per me, per avermi reso un uomo forte e coraggioso, ti vorrò sempre bene papà mio!”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Altri 3 positivi al coronavirus nella Juventus: contagiato McKennie, un giocatore dell’Under 23 e un membro dello staff

next