Quarto giorno di cortei a Napoli, migliaia di commercianti e cittadini sono scesi in piazza del Plebiscito dando vita a una manifestazione pacifica dopo la guerriglia dei giorni scorsi. “Poche teste calde non rappresentano questa città. Questo è il messaggio che deve passare – dicono dalla piazza – siamo qui pacificamente per i nostri diritti, questo è già un lockdown, la gente ha paura di uscire, i negozi sono vuoti e troppe persone stanno ancora aspettando gli aiuti economici promessi”. Tra la gente serpeggia poca fiducia nelle misure di sostegno annunciate dal governo. “Questa è la regione del lavoro nero – spiegano i manifestanti – ci sono troppe persone che già adesso stanno facendo la fame e per le quali non è previsto nulla. Ci stanno costringendo a scegliere se morire di fame o morire di Covid”. Il corteo da piazza del Plebiscito si è mosso verso la sede della Regione Campania. Le forze dell’ordine hanno aperto un varco per lasciar passare i manifestanti in segno di distensione. Fuori la sede dell’ente regionale un piccolo gruppo ha tentato di raggiungere il lungomare ma è stato bloccato dagli agenti in tenuta antisommossa. Molti applausi invece sono stati rivolti all’indirizzo delle forze dell’ordine.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Antagonisti, estremisti di destra, anarchici, giovanissimi, ultras, criminali comuni e non: identikit degli autori delle violenze

next