Assembramento all’ospedale di Crema durante l’effettuazione dei tamponi. Sia all’esterno sia all’interno del tendone-ambulatorio adibito allo screening si sono registrate lunghe file in mattinata. È senza parole il consigliere regionale del M5s, Marco Degli Angeli, per il “forte disservizio” subito da chi è costretto a fare il tampone nel nosocomio cremasco. Il maggior numero di persone in fila si è registrato alle 10.30. Ci è voluta addirittura la polizia locale per sedare gli animi, con persone in attesa da ore, ed evitare che la situazione degenerasse. “Un cittadino – racconta Degli Angeli, che ha diffuso un video su quanto è successo – ha segnalato che il suo biglietto era il numero 494, ma dopo oltre un’ora dal suo appuntamento aveva ancora 50 persone davanti”. E conclude, l’esponente pentastellato: “Se da giugno ad oggi questo è il modo in cui le nostre Asst si sono preparate alla seconda ondata, siamo davvero sull’orlo del precipizio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili