“Noi sanitari stiamo facendo la nostra parte negli ospedali. Il lavoro è tanto e duro qui nelle nostre corsie, ma abbiano grandi soddisfazioni con le nostre cure. Anche i cittadini però devono fare la loro parte. Tutti. Rispettando le regole e il prossimo“, così in un post pubblicato su Instagram, Matteo Bassetti, direttore della clinica di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, uno dei più “ottimisti” tra gli scienziati, per la sua idea su restrizioni e convivenza con il virus. Ad accompagnare l’appello un selfie con un dettaglio che però non è passato inosservato ai più: la barra di metallo per far aderire al meglio la mascherina al naso è in basso, e quindi il professore indossa la mascherina al contrario.

“Ma la mascherina è sotto sopra?“, chiede dubbiosa un’utente. “Bella foto dottore…chi vuol capire capisca…”, scrive invece un altro. Ai commenti Bassetti ha risposto con un altro post, piuttosto piccato. “Qui in corsia si lavora in maniera dura e può capitare che quando sostituisci la mascherina la metti al contrario – scrive – Ieri qualcuno me lo ha fatto notare in maniera simpatica. C’è invece chi lo ha fatto in maniera stupida. Sono sempre gli stessi idioti. Chi invece di lavorare passa la vita a criticare il prossimo in maniera solo distruttiva”. Alcuni, prosegue Bassetti, “mi hanno anche detto che io perderei di autorevolezza con la maschera al contrario. Stiano tranquilli che la mascherina funziona anche se è al contrario basta che sia molto aderente, come lo è sempre”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesco Boccia positivo al Covid dopo la moglie Nunzia De Girolamo, l’ex deputata: “L’ho capito quando è entrato in camera da letto…”

next
Articolo Successivo

“Gli scontri a Napoli puzzano di camorra”: il tweet di David Parenzo fa infuriare Guido Crosetto. E parte il botta e risposta

next