“Vi anticipo che io comunicherò al governo non solo la mia richiesta di lockdown su tutta Italia, ma per quel che riguarda la Campania procederemo in direzione della chiusura di tutto. L’ordinanza del coprifuoco non basta, dobbiamo decidere di chiudere tutto”. Lo annuncia, nella sua diretta informativa su Facebook, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che esordisce polemicamente puntando il dito contro “la campagna di sciacallaggio e mediatico” al suo indirizzo, promettendo di dare spiegazioni in futuro “in maniera puntigliosa”.

E aggiunge: “Oggi e non domani siamo chiamati a prendere decisioni forti, definitive ed efficaci, per far fronte a una situazione che è diventata pesante. Ogni giorno che passa rischia di aggravarsi in maniera insostenibile la situazione dell’epidemia. Per questo io ritengo che non ci sia più un’ora di tempo da perdere e perfino l’ordinanza che entra in vigore oggi è già superata dai dati del contagio con i quali dobbiamo fare i conti. Io credo che dobbiamo decidere oggi, non domani, non fra una settimana, perché davvero non abbiamo più davanti tempo da perdere. Quindi, io propongo il lockdown per l’Italia – continua – E su questo deciderà il governo. Per la Campania faremo quello che riteniamo giusto per noi. Dobbiamo chiudere tutto tranne le attività industriali, agricole, dell’edilizia, l’agroalimentare, le forniture agroalimentari, le cose che abbiamo già conosciuto a marzo e aprile. Né più, né meno. Dobbiamo anche bloccare la mobilità tra regioni e tra comuni, tentando di difendere per quanto possibile le attività produttive”.

Poi sottolinea: “Oggi siamo ancora in tempo. Oggi abbiamo una situazione pesante ma non siamo alla tragedia. Però siamo a un passo dalla tragedia. Lo dico in maniera brutalmente chiara: io non voglio trovarmi di fronte qui da noi i camion militari che portano centinaia di bare di persone decedute. Non siamo garantiti da nessuno che questo non avvenga, se non dalla nostra responsabilità, dalla correttezza dei nostri comportamenti e dalle decisioni che prendiamo da subito. Altrimenti quelle immagini che abbiamo visto qualche mese fa sono destinate a riprodursi e a entrare nella nostra vita in maniera drammatica”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il ministro Boccia positivo al coronavirus: “Asintomatico e in isolamento a casa”

next
Articolo Successivo

Lo chef di Mattarella e altri due addetti alle cucine del Quirinale positivi al Covid: il capo dello Stato non è in isolamento

next