“Sebbene abbiamo rallentato la diffusione del virus, ciò non è stato sufficiente e ora sono necessarie ulteriori azioni. Il governo ha stabilito che i segnali di un peggioramento nelle prossime settimane, sono ora troppo forti. Pertanto, per un periodo di sei settimane, dalla mezzanotte di mercoledì sera, l’intero paese si sposterà al livello 5 del piano di convivenza con il Covid-19“.

Così Michael Martin, primo ministro irlandese, durante un videomessaggio alla nazione. “E’ opinione del governo, supportato dal consiglio del NPHET, che le nostre scuole e i servizi di assistenza all’infanzia debbano rimanere aperti. Ciò é necessario perché non possiamo e non vogliamo che il futuro dei nostri figli sia un’altra vittima di questa malattia”, ha dichiarato il premier. L’Irlanda, insieme al Galles, è diventato il primo paese del continente a tornare in lockdown poiché il numero di vittime a causa del Covid-19 è tra i più alti d’Europa.

Il primo ministro ha emesso una direttiva nazionale di “restare a casa”, ma ha sottolineato che le scuole rimarranno aperte. Le nuove misure – che entreranno in vigore per sei settimane dalla mezzanotte di mercoledì – includono anche la chiusura di tutte le attività commerciali non essenziali e limitano le attività di bar e ristoranti al solo servizio da asporto.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Scarcerate gli attivisti”: 56 democratici Usa scrivono ad Al-Sisi. E chiedono anche la liberazione di Patrick Zaki

next
Articolo Successivo

Cile, un anno dopo l’inizio delle proteste c’è ancora partecipazione. E ora è in arrivo il referendum

next