Le aspettative del ministro della Salute Roberto Speranza di “ricevere segnalazioni” da parte dei vicini per controllare e contrastare le feste in casa sono già diventate realtà. Ma la prima “delazione” non è andata come previsto. A sdoganare il nuovo ruolo di ‘sceriffo della porta accanto’ – come riporta La Stampa – è stato un uomo di Vinovo, in provincia di Torino, che ha chiamato i carabinieri sostenendo che un vicino stava facendo una festa in casa nonostante il dpcm del 13 ottobre “raccomandi fortemente” le cene private con più di 6 persone.

Ma quando i militari sono arrivati, secondo l’Ansa, hanno appurato che i rumori non venivano da un appartamento ma da un bar all’interno di un centro commerciale dove oltretutto tutto era in regola. Le persone sedute nel dehors erano distanziate e indossavano anche la mascherina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Come evitare il sovraffollamento dei mezzi pubblici? “La soluzione non è aumentare l’offerta, ma ripensare gli orari delle attività che generano più traffico”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, tutti positivi nella Rsa di Sambuca di Sicilia: la struttura viene evacuata. Il video

next