La partecipazione di Vittoria Schisano a “Ballando con le stelle” è sicuramente una delle carte vincenti del programma di Rai Uno. La storia dell’attrice parte da lontano, quando nel 2011 era ancora Giuseppe e aveva deciso di iniziare un percorso importante della sua vita: diventare donna a tutti gli effetti. Oggi Vittoria è realizzata e felice ma al tempo stesso, come ha confessato durante una delle clip prima del suo ballo, vive di tormenti interiori specialmente nel rapporto con il suo maestro Marco De Angelis. Il rapporto tra i due, anche per la complicità delle coreografie, è sempre più stretto e durante una conversazione in sala relax Vittoria chiede prima al compagno se il suo passato per lui sia un problema e poi spiega in diretta: “Una parte di me che desidera questa carezza, mentre un’altra che non pensa di meritarla”.

Al termine del balletto e della clip, la giurata Selvaggia Lucarelli per incitarla positivamente a superare questo momento di blocco l’ha invitata ad andare oltre il suo passato, “parlaci più, anche nel ballo, del tuo presente”. Equivocando il senso delle parole e probabilmente sull’onda di uno stress emotivo, la Schisano in lacrime ha spiegato: “Non posso dimenticare il mio passato, mi hanno sempre chiamato frocio. Lo so che non ci sono aggressioni, ma ribadisco un concetto: quando sono qui a fare il balletto sono a mio agio, ma quando Marco smette di essere il mio partner di ballo e diventa un uomo, io vado in tilt”. Anche Fabio Canino è intervenuto per cercar di far capire alla concorrente che nessuno voleva aggredirla e che anzi l’intenzione della giuria era di vivere questa esperienza senza alcun pensiero.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, Signorini mette sotto torchio Massimiliano Morra: “Ma tu e Adua Del Vesco avete fatto sesso?”

next
Articolo Successivo

Tu Si Que Vales, “Sono sorda e trans, per questo ho subito anni di bullismo e violenze”: la storia di Martina Panini commuove tutti

next