Nella giornata del sesto sciopero globale per il clima, un gruppo di attivisti ha occupato la sede milanese di Cassa depositi e prestiti. “Vogliamo denunciare il ruolo che questo ente ha nella ripartizione dei soldi del Recovery Fund – hanno spiegato al megafono gli attivisti che fanno parte di centri sociali e reti studentesche – questi soldi sono un’occasione unica per una riconversione ecologica concreta. Ma pensiamo che il ruolo che è stato dato a Cdp è inaccettabile, essendo la principale azionista di multinazionali del fossile italiano come Eni e Snam che hanno tutto l’interesse a fare profitto con i soldi del Recovery fingendosi green”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clima, i Fridays for Future in piazza in più di 100 città italiane: “Il Recovery Fund venga impiegato per il diritto allo studio”

next
Articolo Successivo

Col Nobel al WFP ci siamo sentiti premiati tutti noi che ci battiamo contro lo spreco alimentare

next