Nella giornata del sesto sciopero globale per il clima, un gruppo di attivisti ha occupato la sede milanese di Cassa depositi e prestiti. “Vogliamo denunciare il ruolo che questo ente ha nella ripartizione dei soldi del Recovery Fund – hanno spiegato al megafono gli attivisti che fanno parte di centri sociali e reti studentesche – questi soldi sono un’occasione unica per una riconversione ecologica concreta. Ma pensiamo che il ruolo che è stato dato a Cdp è inaccettabile, essendo la principale azionista di multinazionali del fossile italiano come Eni e Snam che hanno tutto l’interesse a fare profitto con i soldi del Recovery fingendosi green”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Clima, i Fridays for Future in piazza in più di 100 città italiane: “Il Recovery Fund venga impiegato per il diritto allo studio”

next
Articolo Successivo

Col Nobel al WFP ci siamo sentiti premiati tutti noi che ci battiamo contro lo spreco alimentare

next