Distanziamento impossibile, assembramenti continui alle fermate, metro, tram e bus affollati, in particolare negli orari di punta. E corse saltate per allontanare il rischio contagio da Covid-19. Questo lo scenario per migliaia di studenti romani, nelle prime settimane di ripresa scolastica dopo lo stop legato all’emergenza coronavirus, soprattutto per chi è costretto dalla periferia a raggiungere le scuole del centro della Capitale. “Passo più di mezz’ora sui mezzi, sia sugli autobus che sulla metro, il pericolo di contrarre il virus è reale”, denuncia uno studente del Liceo Russell, che si sposta dal capolinea di Anagnina verso la Tuscolana.

Non è l’unico. Perché, soprattutto nelle aree di transito e negli snodi metropolitani, da Roma Termini passando per i diversi capolinea, mantenere le distanze sembra un’utopia. “Si creano grandi assembramenti, nonostante il tentativo di contingentare gli ingressi”, spiegano altri studenti. “C’è un grande problema legato ai trasporti pubblici – denuncia pure la Rete degli studenti medi romana – il rischio è quello di una bomba sociale, soprattutto per gli studenti socialmente più deboli, che devono affrontare lunghi tragitti”. E anche i comitati e le associazioni dei genitori condividono le preoccupazioni: “Nello stesso orario viaggiano sia studenti che lavoratori, su mezzi spesso vecchi e affollati. E non sappiamo con quale reale frequenza vengano fatte le sanificazioni e se siano sufficienti a evitare il rischio contagio”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lazio, obbligatorio indossare la mascherina all’aperto. Zingaretti: “Multe per chi viola le regole”. Obbligo anche in Basilicata

next
Articolo Successivo

Coronavirus, stabili i nuovi contagi: sono 2.499 con 120mila tamponi. Altre 23 vittime

next