Belen, basta il nome. Il fenomeno Rodriguez che da anni occupa la scena mediatica tra successi televisivi e gossip. Sono le 15.30. Puntuale, voce inconfondibile. Accogliente. Inizia un lungo racconto, dopo mesi di silenzio la showgirl parla senza filtri in esclusiva al FattoQuotidiano.it per FQMagazine.

Da bambina diceva a tutti di chiamarsi Flor Monica e non Belen.
“Mia zia mi aveva portato a vedere il musical Cats, in Argentina la protagonista si chiamava Flor Monica. Ero impazzita per questo personaggio, forse volevo essere unica, andavo al parco e dicevo a tutti che mi chiamavo Flor Monica. Mia mamma ascoltava a distanza e mi sgridava (ride, ndr)”.

Vi portava a scuola tutti e tre con la sua bici, dormivate nella stessa stanza. La crisi economica argentina ha segnato la sua infanzia e adolescenza?
“Più che segnato mi ha insegnato, non l’ho vissuto come un trauma negativo. Ho imparato ad apprezzare le piccole cose, eravamo felici con poco. Ci bastava l’amore della nostra famiglia. Quelle difficoltà mi hanno aiutato a vivere meglio dopo.”

I primi passi da modella, l’arrivo in Italia a 19 anni con pochi soldi in tasca. Cosa ha pensato la prima volta?
“All’arrivo ho avuto problemi con il permesso di soggiorno, sono stata quarantotto ore chiusa in aeroporto. L’ho vissuta da subito come una avventura, con il sorriso. Stavo viaggiando per trovare la mia strada e sono stata fortunata ad avere genitori che mi hanno permesso di scegliere, li ringrazierò per sempre.”

Il suo primo impegno in tv con Fabrizio Frizzi.
“Un uomo straordinario. La mia esperienza in tv con lui la ricordo benissimo, era il Circo Massimo Show a Montecarlo. Mi ha insegnato molto, un grande professionista.”

La partecipazione a L’Isola dei Famosi ha cambiato la sua vita?
“È stato un bel trampolino, dico sempre che bisogna avere tanta di fortuna. Mi sono trovata al posto giusto nel momento giusto, ho sicuramente cavalcato l’onda come meglio credevo, come mi è venuto spontaneo.”

Tra Italia’s got talent e Tu si que vales è alla conduzione del sabato sera di Canale 5 da nove anni. Si diverte ancora?
“Non smetto mai di stupirmi. Credo di essere molto fortunata a far parte di questo show, prima forse lo capivo meno, ora apprezzo veramente tanto il mio lavoro. Le ore spese sul palco mi rendono felice perché questo lavoro mi dà tantissima adrenalina. Oltre a Maria, ringrazio Sabina (Gregoretti, ndr) e l’intero gruppo di lavoro. Grazie a Teo che mi ha insegnato un sacco di cose, Rudy per la sua capacità di mettersi in gioco, Gerry perché è unico. Sabrina è una meraviglia della natura e i miei compagni di viaggio Alessio e Martin che sono speciali.”

Cosa le ha insegnato Maria De Filippi?
“Tantissime cose, la stimo moltissimo. Sono affascinata dalla sua testa, ogni ora che sto con lei imparo delle cose nuove. La psicologia e l’attenzione che lei riporta in ogni essere umano che si trova di fronte. Fa una sorta di analisi, dedica davvero il suo tempo. Mi ha insegnato a dedicare del tempo a le persone che lo meritano.”

Ci sarà una nuova edizione di Colorado?
“Penso di sì, stiamo aspettando di capire quando. Fare un programma comico senza pubblico è davvero complicato.”

È andata molto vicina alla conduzione del Grande Fratello qualche anno fa, le è dispiaciuto che non si sia concretizzata?
“All’inizio si ci sono rimasta male perché volevo farlo, con il senno di poi invece era giusto così. Vorrei fare cose diverse.”

Scherzi a parte, Striscia la notizia, Pequenos Gigantes ne ha condotti tanti, c’è un programma che vede in tv e vorrebbe presentare?
“Se ci penso forse ho fatto molte cose di quelle che volevo fare, magari qualcosa di nuovo. Mi piacerebbe rendermi utile agli altri, ho avuto tutto quello che volevo mi piacerebbe dare una mano a chi non ha possibilità.”

Tre film e cinque fiction tra cui Il Commissario Montalbano e Don Matteo, la recitazione è una strada da inseguire o si tratta di casi isolati?
“Fare la showgirl vuol dire fare un po’ tutto. Ho sempre cercato di fare dei passi indietro per rispetto agli attori che hanno studiato davvero. Un bel po’ di volte mi sono trovata nella posizione di dire no perché non mi sentivo all’altezza. Oggi ci sono piattaforme che ti consentono di realizzare un progetto e portarlo avanti senza togliere niente a nessuno. Penso a Netflix o Amazon. Preferisco cimentarmi nelle cose che so fare, per il canto, che sto studiando, o la recitazione vorrei fare passi avanti quando mi sento pronta. Preferisco studiare e non fare una cosa tanto per farla.”

Belen sempre più imprenditrice, profumi, abbigliamento, linea di costumi, socia di una catena di saloni di bellezza. La Ferragni deve tremare?
“La Ferragni è la numero uno incontrastata, la stimo molto e facciamo lavori diversi. Ha una testa e un team eccezionale, nel suo lavoro da imprenditrice digitale è bravissima, nessuno le toglierà nulla. Io, a prescindere da lei, provo a preparare il mio futuro, magari se non avessi più voglia di lavorare sul piccolo schermo. Non mi piace molto la definizione influencer perché, togliendo Chiara, molti mi sembrano improvvisati. Ho una carriera diversa, si tratta solo di progetti che possono piacermi e farmi guadagnare.”

Lei ha dieci milioni follower, guadagna più con i social o comanda ancora la “vecchia” tv?
“Il mio guadagno principale è la televisione. Inutile nascondere che il digital è la nuova vetrina e bisogna accettare i cambiamenti. Ci lavoro e sinceramente anche quello per me è un grande guadagno considerando il seguito che ho.”

Quando parlano dei Rodriguez come un clan si arrabbia?
“Io non so quale sia la definizione esatta di clan, siamo semplicemente una bella famiglia, unita ma nessuno decide nulla per nessuno. Siamo una famiglia con valori, cerchiamo di superare le difficoltà tenendoci per mano, questo mi sembra un bell’esempio di cui vado fiera.”

C’è chi si chiede cosa farà Belen quando la bellezza passerà.
“Io non ho mai pensato di essere solo bella, non credo di essere arrivata fin qui solo per quello. Magari la bellezza è già passata a 36 anni.”

Dai, non ci crede neanche lei. È bellissima.
“Magari sarò bella anche a cinquant’anni, avrò il mio fascino.”

Da quasi quindici anni domina il gossip. Com’è vivere con i paparazzi sempre intorno e con una privacy molto ridotta?
“Mi chiedo se potessi tornare indietro se rifarei tutto allo stesso modo, lo stesso lavoro. Forse cambierei delle cose. La fama toglie tanto, è stressante avere sette persone ogni giorno sotto casa tua. Non voglio lamentarmi anche perché quando va tutto bene non pesa, ma quando vivi una separazione, la perdita di un familiare o un momento difficile è complicato. In qualche modo il gossip aspetta quello che non va per marciarci un po’ sopra. Ripeto, funziona così. La mia non vuole essere una lamentela.”

Ha detto: “Le critiche hanno fatto il mio personaggio. Senza critiche in questo paese c’è l’indifferenza.”
“Non in Italia, è così nel mondo. Quando sei divisivo è così, vale anche per me. Anch’io commento quello che fanno gli altri. Penso che le critiche abbiano rafforzato il mio personaggio. C’è gente che sta con te e chi non sta con te. In fondo anche chi mi ha criticato mi ha aiutato senza volerlo.”

Tutte vogliono essere Belen, Belen chi vorrebbe essere?
“Non è vero che tutte vogliono essere me. Io sto bene nella mia vita. Sono contenta di come sono, della mia umanità, dei valori che porto avanti, della mia moralità, dei miei ideali. Anche della mia mentalità aperta, della capacità di fregarmene del giudizio delle persone. I soldi non mi hanno mai reso ricca come la necessità di comportarmi come una brava persona.”

Che mamma è?
“Sono molto premurosa e presente. Non sono una mamma perfetta ma sono aperta, libera, non sto tutto il giorno addosso a mio figlio a incutere paura. Sono una madre che vuole suo figlio sia libero nelle sue scelte. Per quanto la gente possa riempirsi la bocca io non ho mai avuto una tata e non pubblico tantissimo mio figlio perché a lui non piace.”

Se Santiago volesse fare il suo lavoro e quello del padre?
“Può fare quello che vuole, io da mamma proverei ad esserci con i consigli giusti.”

Il suo matrimonio con Stefano De Martino si è concluso, le sono stati attribuiti due flirt. Come sta vivendo questo momento?
“Sono molto serena, è lecito che una famiglia, che si è rotta un po’ di tempo fa, ci riprovi. Trovo sia molto bello provarci fino alla fine. Quando le cose non vanno bisogna continuare e andare avanti, bisogna continuare a sognare.”

Crede ancora nell’amore?
“Io credo tanto nell’amore, ci ho sempre creduto e ci spero ancora. Sto molto bene perché ci ho provato, le risposte te le dà vita. Quando ci riprovi fino all’ultimo e non ottieni il risultato che avresti voluto trovi pace. Se non ci riprovi ti resta il dubbio, con i se e con i ma non si concretizza niente. Io sono una persona che fino all’ultimo respiro da tutta se stessa. Se non avviene ciò che voglio giro i tacchi e cambio rotta però ci ho provato.”

In questo momento si definisce single?
“No, assolutamente no.”

Fabrizio Corona ha detto che forse non l’ha mai amata.
“Io invece dico che l’ho amato e che mi ha amato tanto anche lui. Ogni volta che dice una cosa lo fa solo per avere i titoli delle copertine, quell’uomo deve mettersi l’anima in pace ma non so se accadrà mai (ride, ndr)”

Dicono che i suoi rapporti con Giulia De Lellis siano pessimi.
“Con Giulia non ho alcun problema, non la conosco personalmente.”

“Faccio il 22% anche senza i Rodriguez”, ha ripetuto Barbara D’Urso. Ora i suoi programmi faticano sul fronte auditel, gliel’ha tirata?
“No, figuriamoci. Non sono la fonte di presunte sfortune. Noi abbiamo avuto una discussione quando ero fidanzata con Fabrizio (Corona, ndr).”

Lei se l’era presa perché a Le Iene l’aveva mandata a quel paese.
“C’erano dei motivi, l’ho fatto perché era un modo per proteggere una persona a me cara. La reazione non è stata forse delle più gradite ma io non ho nulla contro di lei.”

Ha detto che i suoi programmi sono circensi.
“Non li apprezzo ma li rispetto, lei è comunque una grandissima professionista che fa il suo lavoro. Il suo ruolo lo copre alla perfezione.”

Paola Ferrari ha detto che lei è bella, furba, ricca ma priva di ogni goccia di talento.
“Possiamo fare un tête à tête sul palco. Facciamo prima una canzone, poi un balletto, una presentazione e poi mi cimento anch’io in una prova calcistica che è il suo campo. (ride, ndr)”

Per lo stilista Roberto Cavalli incominci a invecchiare e sono finiti i tempi della farfarllina. Ha aggiunto in maniera poco elegante che “sei sempre la preferita… dei segaioli e camionisti”.
“Non voglio fare polemiche, mi dispiace. Spero che le persone a lui vicine si occupino della sua salute mentale, lo dico con rispetto.”

Che ricordi ha dei due Sanremo e della famosa farfallina?
“Meravigliosi, la farfallina è l’ultimo dei miei ricordi. Ho avuto la possibilità di fare la prima edizione con Toto Cutugno ed è stato un onore cantare con lui. Per la seconda tanto studio per realizzare le performance in cui cantavo e ballavo, il terzo anno la farfallina che per me è stato un dettaglio mentre l’anno precedente ci ho veramente messo l’anima e penso di averla lasciata su quel palco.”

Le piacerebbe tornarci?
“Tantissimo.”

Magari come cantante?
“Mi piacerebbe ma non ho ancora il coraggio però sto studiando tanto. È un palco che rispetto e che fa paura, per arrivare lì devi essere preparata. Io non sono andata lì come presentatrice ma come valletta e mi ha divertito molto farlo. Mi piacerebbe farlo magari in panni diversi, bisogna prepararsi, fare gavetta. Sono ancora giovane posso sperare, sto imparando tante cose.”

È vero che non ha molto amato l’imitazione della Raffaele?
“All’inizio mi sono molto divertita, è sempre un onore quando ti imitano. Dopo forse ci ha marciato un po’ troppo sopra, magari una mamma può rimarci male. L’imitazione è sempre goliardica e lo accetto, io non lo avrei fatto nei suoi confronti.”

L’offerta più folle che ha ricevuto?
“Mi hanno fatto una bella proposta indecente e ho rifiutato.”

Ci dica di cosa si tratta.
“No, però ho rifiutato e ne vado così fiera. Io non ho mai avuto raccomandazioni.”

Per chi vota?
“Non ho mai votato in Argentina perché sono partita prima della maggiore età, in Italia non mi sono mai appassionata. Non c’è un leader che mi convince, consiglio a tutti di andare a votare anche se è tutto molto confuso.”

Un politico ci ha mai provato con lei?
“Sì ma non faccio nomi.”

Si parla molto di molestie nello showbiz.
“Io non sono femminista a prescindere, il rispetto deve essere per tutti al di là del genere. Sia stato un uomo o una donna a molestare abusando del proprio potere è una cosa orrenda. E chi sbaglia deve pagare. A un certo punto però si esagera, alcuni cercano di approfittarsene.”

Da circa un anno è stata introdotta la legge contro il Revenge Porn. È successo a lei, è successo a Diletta Leotta. È riuscita a superare psicologicamente la diffusione di un suo video intimo?
“Ancora adesso non l’ho superata. È un trauma che resta per sempre. La cosa che mi fa più rabbia è che io ho cercato giustizia e ho perso. La risposta è stata ‘chi dice che non sei stata tu a pubblicarlo’. Io sono andata in lacrime, non sono uscita di casa due mesi per la vergogna anche se non avevo pubblicato nulla. Erano passati otto anni da quel video, da piccoli non si ragiona, magari lo fai per fare la grande e dopo otto anni mi sono trovata una cosa del genere a disposizione di tutti. È veramente psicologicamente devastante. Io dico che bisogna fare qualcosa e assicurare giustizia a chi soffre. Ti dicono sei ricco, sei famoso quindi non ho diritto alla sofferenza e al dolore? Qualcuno può violare la mia intimità perché sono Belen?”

In lei sembra esserci una vena malinconica.
“È vero sono una persona profonda e malinconica, rifletto sempre molto. Fa parte un po’ anche della mia cultura argentina, non è però tristezza è anima.”

Cosa la fa arrabbiare?
“Quelli che se ne approfittano, le persone che non sono leali, subdole, gli incoerenti, il pregiudizio.”

La bellezza, il successo e i soldi fanno la felicità?
“Non bastano, a volte te la tolgono.”

Tra vent’anni come si vede?
“Mi vedo con più figli in una bella casa in campagna. Magari in mezzo alla natura con tanta musica, vino e amore però scalza, senza tacchi.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Codacons denuncia anche Elton John: “Era a Capri senza la mascherina”

next
Articolo Successivo

Fedez e Bugo, lo scambio di messaggi è perfetto

next