Prima gli spari in aria, per diversi secondi, poi lo scontro. E, infine, l’abbordaggio. È durato ore l’inseguimento in acque internazionali della Guardia di finanza nei confronti di un peschereccio tunisino che, impegnato nella pesca illegale a nove miglia dalla costa di Lampedusa (e dunque in acque italiane), non si è fermato all’alt delle Fiamme gialle. Quando è scattato il controllo della Guardia costiera e della Gdf, il natante non solo non si è fermato, ma ha anche affiancato una motovedetta italiana inviata sul posto come supporto. Durante l’inseguimento, come si vede nel video, i militari hanno esploso diversi colpi d’arma da fuoco prima di riuscire ad abbordare il peschereccio “Mohanel Anmed”. Il comandante è stato arrestato. Sulla barca non c’erano né migranti, né droga o armi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Becciu, presidente di Pax Christi: “Come faremo ora a chiedere la carità? Il Papa è stato severo. Ma la Chiesa allontani sesso e denaro”

next
Articolo Successivo

Omicidio Vannini, la madre di Marco in attesa della sentenza d’appello bis: “Speriamo in un segnale di giustizia, lo chiediamo da 5 anni”

next