Da “Non ce n’è Coviddi” a “Il Covid c’è”. Cambio di rotta per Angela da Mondello, la signora “conosciuta” per aver inconsapevolmente lanciato il tormentone negazionista sul Covid di cui tanto si è parlato negli ultimi mesi. Dopo aver pubblicato balletti sulla note della canzone “Non ce n’è Coviddi” e aver cavalcato l’onda della popolarità, ora Angela fa un passo indietro. “Mi potete dire che sono incoerente, però oggi l’unico mio messaggio è dire che il Covid c’è. Indossiamo la mascherina e pensiamo alla nostra salute”, ha detto la signora palermitana (e se lo dice lei…).

Da quando è sbarcata sui social, a inizio settembre, Angela è stata presa di mira con insulti e minacce. “Sei un diavolo, il Coviddi a te deve venire”, è uno dei messaggi ricevuti dalla signora, che replica: “La gente è arrivata a questo punto. Queste cose non si augurano neanche il peggior nemico”. La signora ha voluto far chiarezza una volta per tutte su quella frase così infelice, e lo ha fatto su Instagram ai suoi quasi 200mila followers: “Ho sempre avuto paura (del Covid, ndr), l’ho ripetuto miliardi di volte. Che Dio ci liberi da questo brutto virus (…) Quella volta scherzando, spontaneamente, ho detto che il Covid non c’è. Ma adesso siamo messi male. Ci ho sempre creduto, abbiamo solo scherzato. Anche altre persone hanno fatto di tutto e di più e nessuno gli ha mai criticati. Ho detto quella frase io e tutti mi hanno tirato i sassi. Ma il consiglio è quello di usare le precauzioni e la mascherina”. Al momento Angela da Mondello si trova agli arresti domiciliari per alcuni vecchi problemi con la legge.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elisabetta Gregoraci: “Flavio Briatore? Quando è morta mia madre mi ha lasciata sola per andare in discoteca”

next