Girava filmati hard con la figlia e la figliastra, rispettivamente 4 e 7 anni, per poi venderli sul web. Tutto è cominciato quando la madre delle bambine, Anastasia Vasilyeva, ha ricevuto una richiesta sui social da parte di un contatto che le chiedeva di realizzare film hard con le figlie. Lui avrebbe poi pagato per averli. Per l’esattezza, stando a quanto riposta il Daily Mirror, 31.000 rubli, ovvero circa 350 euro. La donna è stata arrestata in un sobborgo di Mosca, a Khimki. Accusata di violenza sessuale su minori, la condanna va dagli 8 ai 15 anni di prigione. Alcuni abitanti della zona di Mosca dove vive la donna hanno visto i filmati caricati sul social Odnoklassniki.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Preservativi usati, lavati e rivenduti come nuovi: maxi sequestro di 345mila condom, “chi li ha usati è a rischio”

next
Articolo Successivo

Quando lo spreco fa infuriare: esplode la vasca e 50mila litri di vino rosso finiscono in strada

next