Raccoglievano i preservativi usati, li lavavano e poi li rimodellavano per rimetterli sul mercato e rivenderli spacciandoli per nuovi. Un sistema collaudato, che è stato scoperto dalla polizia in Vietnam: secondo quanto riferisce l‘Independent che dà la notizia, nel blitz sono stati sequestrati oltre 340mila condom usati che erano stati inzuppati in acqua bollente e rimodellati su un fallo di legno per essere rivenduti come nuovi. E subito è scattato l’allarme: chi li ha usati è a rischio infezioni o gravidanze indesiderate.

A far scoprire la truffa è stata la segnalazione di un residente nella zona dove si trova il magazzino usato per riciclare i profilattici, vicino a Ho Chi Minh City. I filmati trasmessi dall’agenzia statale Vietnam Television (VTV) hanno mostrato dozzine di grandi sacchi contenenti i profilattici usati sparsi sul pavimento dell’edificio. Una donna è stata arrestata e, nel corso dell’interrogatorio, ha confessato che i condom usati venivano prima bolliti in acqua, poi essiccati e rimodellati su un fallo di legno, infine riconfezionati e rivenduti. La donna detenuta ha detto che riceveva 0,17 dollari (13 centesimi) per ogni chilogrammo di preservativi riciclati prodotti. Non è ancora chiaro ancora da quanto andasse avanti la truffa e quanti preservativi riciclati fossero già stati venduti, ma quel che è certo è che erano destinati ai mercati locali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Squalo attacca il marito in acqua, donna incinta si tuffa e gli salva la vita

next
Articolo Successivo

Gira filmati hard con la figlia e la figliastra e li vende a un amico: arrestata

next