Tre piantagioni di marijuana sono state scoperte e sequestrate questa mattina nelle vicinanze del lago di Prunaghe, nel Comune di Sedilo (Oristano). I militari hanno trovato tre campi stracolmi di piante pronte per essere tagliate, e quindi essiccate, da immettere sul mercato dello spaccio di stupefacenti. I campi erano delimitati da una sorta di foto-trappole con fili a tensione elettrica alimentati da generatori, per tenere lontani eventuali animali che potessero rovinare la coltivazione. Le quasi 1300 piante, folte e di altezza compresa tra 1,50 e 1,80 metro, avrebbero prodotto almeno 600 chilogrammi di marijuana, per un valore sul mercato di alcuni milioni di euro.
L’operazione è nata dall’iniziativa di un carabiniere del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Cagliari che nel weekend, libero dal servizio, mentre passeggiava con il proprio cane vicino al lago di Prunaghe ha sentito il forte odore delle piante di marijuana e informato prontamente il proprio comando.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Migranti, la nave Alan Kurdi con 125 persone a bordo si dirige verso Marsiglia. “Nessuna indicazione in più di quattro giorni”

next