Un selfie che immortala Luigi Di Maio a Danilo Toninelli sorridenti, su uno dei terrazzini di Montecitorio, con la scritta a caratteri cubitali “Grazie Billy”. Billy è Billy Costacurta, storico stopper del Milan e della Nazionale italiana negli anni ’90. Ma perché il ministro degli Esteri e l’ex ministro dei Trasporti, entrambi del Movimento 5 stelle, dedicano questo scatto all’ex calciatore condividendolo su Instagram? Semplice: nei giorni scorsi Costacurta si era dichiarato sostenitore delle ragioni del No per il referendum sul taglio dei parlamentari .”Non voglio vedere le facce di Di Maio e Toninelli trionfanti“, aveva detto l’ex numero 5 del Milan di Sacchi.

Dopo la vittoria del Sì, quindi, è arrivata la piccola vendetta di Di Maio e Toninelli. “Quello raggiunto oggi è un risultato storico. Torniamo ad avere un Parlamento normale, con 345 poltrone e privilegi in meno”, aveva scritto l’ex capo politico del M5s su Facebook dopo la diffusione dei primi dati. Alla fine il taglio dei parlamentari è passato col quasi col 70% del voti. Di Maio e Toninelli hanno potuto festeggiare e ci hanno tenuto a mandare subito le loro “facce trionfanti” a Costacurta, uno dei 7.484.918 italiani che è andato a votare No. Non è bastato: per il Sì hanno optato più di 17 milioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Referendum, Parlamento da sciogliere? Il costituzionalista De Siervo: “Una scemata”. Mirabelli: “In vigore da prossima legislatura”

next
Articolo Successivo

Referendum, effetto boomerang per il fronte del No: il M5S e il governo ne escono rafforzati

next