I contagi da Covid 19 sul lavoro denunciati al 31 agosto sono 52.209, 846 in più rispetto a fine luglio. E con un’incidenza del 19,4% rispetto al totale dei contagiati nazionali comunicati dall’Istituto superiore di sanità alla stessa data. A fare il punto della situazione è l’ottavo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Inail. I decessi totali sono 303, 27 in più rispetto ai dati rilevati al 31 luglio, concentrati soprattutto tra gli uomini (83,8%) e nelle fasce 50-64 anni (69,3%) e over 64 anni (19,8%), con un’età media dei deceduti di 59 anni. Tra i lavoratori contagiati, il 37% sono donne e l’età media è di 47 anni.

Il documento sottolinea che, rispetto all’ultima rilevazione, l’incidenza dei nuovi casi sta diminuendo nel settore della sanità e assistenza sociale (dal 71,6% del periodo marzo-maggio al 56% di giugno-agosto) mentre sta aumentando tra i lavoratori dell’alberghiero e della ristorazione (dal 2,5% di marzo-maggio, al 4,3% di giugno-agosto, con il 5% solo ad agosto). Incrementi si osservano anche nel settore del noleggio, delle agenzie di viaggio e dei servizi di supporto alle imprese.

Nella categoria dei tecnici della salute, i lavoratori più colpiti dal coronavirus restano gli infermieri (83%), seguiti dagli operatori socio-sanitari (20,9%), medici (10,2%), operatori socio-assistenziali (8,9%) e personale non qualificato nei servizi sanitari, come ausiliari, portantini e barellieri (4,8%), da impiegati amministrativi (3,1%), addetti ai servizi di pulizia (1,9%) e dirigenti sanitari (1%).

Tra le regioni si conferma il primato negativo della Lombardia, con oltre un terzo dei casi di contagio da coronavirus sul lavoro denunciati (36%) e il 42,6% dei decessi. La provincia più colpita è quella di Milano (11%), seguita da Torino (7,9%), Brescia (5,5%) e Bergamo (4,7%), che con 37 decessi, pari al 12,2% del totale, è al primo posto tra le province con più morti, seguita da Milano (8,3%), Brescia (7,9%) e Napoli (6,3%). Dall’analisi territoriale emerge infatti che più di otto denunce di contagi da coronavirus sul lavoro su 10 sono concentrate nel Nord Italia: il 56,1% nel Nord-Ovest e il 24,2% nel Nord-Est, seguiti da Centro (11,9%), Sud (5,7%) e Isole (2,1%).

Focalizzando l’attenzione sui contagi Covid-19 sul lavoro con esito mortale, la percentuale del Nord-Ovest rispetto al totale è del 56,4%, mentre il Sud, con il 16,2% dei decessi, precede il Nord-Est (13,2%), il Centro (12,2%) e le Isole (2,0%). L’analisi dei decessi da Covid-19 contratto sul posto di lavoro rivela che circa un terzo dei casi mortali riguarda personale sanitario e socio-assistenziale, a partire dai tecnici della salute, con il 10,3% dei decessi, seguiti da medici (7,5%), operatori socio-sanitari (5,6%), operatori socio-assistenziali e personale non qualificato nei servizi sanitari (3,6% per entrambe le categorie), e specialisti nelle scienze della vita, come tossicologi e farmacologi (2,4%).

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salario minimo, tra i buoni propositi di Ue e governo c’è la storia di Mario: 3,5 euro all’ora netti. Ma adesso il tribunale gli dà ragione

next