C’è un filo comune tra la morte di Don Roberto Malgesini, di Willy Monteiro Duarte e di Paola Maria Gaglione: l’amore“. Esordisce così a “Propaganda Live” (La7) Don Luigi Ciotti, che pronuncia un lungo e commosso tributo a Don Roberto Malgesini, il sacerdote ucciso nel centro di Como da un immigrato con problemi psichici, cui lui stesso dava assistenza.

“Ho questa immagine di un prete giovane, carico di passione e di impegno – continua il presidente di Libera – ma soprattutto capace di testimoniare le parole del Vangelo nei fatti, cioè in modo radicale. Solo nella radicalità si può fare tutto questo: l’amore per gli ultimi e la capacità di coniugare solidarietà, giustizia e diritti. Tuttavia, non è la morte di Don Roberto che mi preoccupa, ma il nostro morire di tutti i giorni, le nostre agonie, l’agonia di una società e di una politica che stanno a guardare, giudicano, etichettano, semplificano“.

Don Ciotti stigmatizza l’individualismo sfrenato, l’indifferenza e l’io malato, definiti ‘vere e profonde malattia della società attuale’: “Questa è una società che ha spaccato legami e relazioni. C’è odio, c’è rancore, c’è sempre un capro espiatorio. Ma c’è anche una politica che è chiamata a interrogarsi e a fare la propria parte: l’Italia è agli ultimi posti per dispersione scolastica e per povertà educativa, il sociale viene considerato un costo e non un volano di cambiamento, né un investimento per dare dignità alle persone – conclude – Se non si recupera tutto questo, non ce la faremo. In Italia c’è una violenza verbale di cui sono responsabili tante persone, anche quelli che contano e che predicano. E questa violenza verbale, come abbiamo visto negli ultimi anni e proprio in questi giorni, ha generato e continua a generare anche altra violenza“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali, Di Maio a Gruber: “Voto disgiunto? Io leale a candidati M5s ma avrei gestito diversamente”. “Potevate pensarci prima”

next
Articolo Successivo

Regionali, Zaia a La7: “Resto della Lega, la mia lista intercetta il consenso che non va diretto al partito. Crisi ai vertici? Io ho scelto il Veneto”

next