Don Roberto Malgesini, sacerdote di 51 anni, molto conosciuto a Como per il suo impegno nei confronti di migranti ed emarginati, è stato ucciso con una coltellata martedì mattina poco dopo le 7 in piazza San Rocco, a poca distanza dalla sua parrocchia. Il presunto responsabile, uno straniero, si è costituito intorno alle 8 nella caserma locale dei carabinieri. “Aveva problemi psichici e dei provvedimenti di espulsione non eseguiti”, ha detto il direttore della Caritas di Como, Roberto Bernasconi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Don Roberto Malgesini, accoltellato e ucciso a Como “il prete degli ultimi”. “Conosceva l’omicida, letale la ferita al collo”

next