Don Roberto Malgesini, sacerdote di 51 anni, molto conosciuto a Como per il suo impegno nei confronti di migranti ed emarginati, è stato ucciso con una coltellata martedì mattina poco dopo le 7 in piazza San Rocco, a poca distanza dalla sua parrocchia. Il presunto responsabile, uno straniero, si è costituito intorno alle 8 nella caserma locale dei carabinieri. “Aveva problemi psichici e dei provvedimenti di espulsione non eseguiti”, ha detto il direttore della Caritas di Como, Roberto Bernasconi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Don Roberto Malgesini, accoltellato e ucciso a Como “il prete degli ultimi”. “Conosceva l’omicida, letale la ferita al collo”

next