La piccola ama bere la birra della mamma“. Questo il commento scritto accanto allo scatto postato sui social dalla madre di una bambina di 6 mesi. E su Reddit è subito esploso il caos, come raccontato da Amy Sinclair. In pochi minuti, la foto è diventata virale, attirando critiche e insulti: “Non ho mai fatto bere alcol a mia figlia”, “Non è una foto divertente”, “Mio figlio ha due anni e mai gli farei bere alcolici”. Eppure quella di far bere bevande alcoliche ai bambini non sembra un’azione fatta solo da questa madre, rimasta anonima. In tanti hanno l’abitudine di “far assaggiare” l’alcol ai figli. Ma c’è poco da giocare o da scherzare, anzi, i genitori dovrebbero imparare e moderarsi persino nel proprio consumo di alcolici in presenza dei figli. Così è secondo uno studio pubblicato dalla rivista Addiction, i genitori più avvezzi al consumo di bevande alcoliche hanno maggiori probabilità di vedere i propri figli approcciare le stesse, votati nel tempo a un consumo più frequente e in maggiori quantità. “Se mamma e papà hanno la propensione ad alzare il gomito, i loro figli potrebbero avere qualche strumento in meno per riconoscere i rischi collegati al consumo di bevande alcoliche”. “Far assaggiare anche un solo goccio di alcol ai bambini comporta un rischio aumentato di dipendenza già all’età di 14 o 15 anni“. Lo dice uno studio pubblicato sul Journal of Studies on Alcohol and Drugs e firmato da Kristina Jackson della Brown University di Providence, negli Stati Uniti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Linus rinnova e rilancia Radio Capital: “È sempre stata bellissima ma poche soddisfazioni in termini di numeri e fatturato. Ora si cambia”

next
Articolo Successivo

Morto Franco Verona, “signore” della storica ditta Aurora di Torino. Iconiche le sue penne stilografiche, esposte anche al Moma

next