“Non farò campagna elettorale sui territori per via dei miei impegni istituzionali. Voterò a Roma per il referendum. E mi esprimerò a favore, perché ritengo che il taglio dei parlamentari non comprometta la funzionalità del Parlamento”. Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sul referendum in programma il 20-21 settembre. “Anzi”, ha aggiunto, “può essere un primo passaggio per contribuire a valorizzare in termini di autorevolezza il lavoro dei parlamentari. Dev’essere corredato da altri interventi, da un percorso riformatore che andrà integrato e completato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte: “Il superamento del trattato di Dublino è una svolta. Dl Sicurezza? Pronti a modificarli”

next
Articolo Successivo

Covid, Toninelli: “Video fake di Salvini su banchi a rotelle è una cagata pazzesca. Briatore e le discoteche di destra? Offende tutti gli italiani”

next