Ci siamo dimenticati della tragedia della Siria. Un dramma che ha provocato quasi un milione di morti e almeno dieci milioni fra sfollati interni e rifugiati nei paesi limitrofi o a casa nostra. Ci siamo scordati della Siria nonostante si affacci sul Mediterraneo e, come in un gioco di specchi, in quel paese abbiamo maturato dubbi e convinzioni. Come quella che il fondamentalismo sia il male maggiore degli arabi.

Abbiamo visto scorrere le immagini dei corpi decapitati da uomini vestiti in nero: atroci, certo. Ma lo stesso sgomento non siamo riusciti a trovarlo per le centinaia di migliaia di morti. Uno contro centinaia di migliaia. Sgomento contro assuefazione. Una morte irrimediabilmente più importante di decine di altre: come se i corpi, a decine di migliaia, impilati, fossero infinitamente più piccoli e trascurabili di uno solo, occidentale.

La Siria fa parte, oggi, di quelle guerre dimenticate che fanno ora parte del nostro insieme di luoghi comuni: l’Africa, con i bambini morti di fame; il Medioriente, la Siria, con una eterna guerra. Non è questo quello che pensiamo? Tralasciando le nostre responsabilità, quelle dei governanti che eleggiamo e che sono capaci di sostenere le piccole dittature di queste ormai Repubbliche delle Banane in cambio di qualche casco di petrolio o del blocco navale che non faccia arrivare i ‘dannati della terra troppo vicini’.

Così i siriani, beffati innumerevoli volte – dalle Ong che non portano aiuti ma elargiscono solo lauti stipendi a funzionari occidentali; dai dittatori in giacca e cravatta, come Bashar al Assad e moglie, Asmae, costei presa a fare shopping compulsivo in barba ai morti di miseria che riempiono le strade di Damasco e di tutta la nazione – hanno il tempo di bruciare a Moira: primo baluardo dei valori europei. Civiltà, cultura e democrazia sembrano non esserci più su quell’isola greca: forse sono state bruciate dalle fiamme?

Ma come è possibile che, fra le cose di cui siamo dimentichi, ci sia anche la richiesta di libertà che i siriani avevano fatto quasi dieci anni fa, nel marzo del 2011? “Il popolo vuole la caduta del regime” gridavano. L’Europa, gli europei – non tutti, sia chiaro – hanno fatto orecchie da mercante non riconoscendo il diritto di un popolo del mondo di terza classe di aspirare all’autodeterminazione. Il risultato è l’amnesia sulla Siria. E io, umile figlio di uno scampato, gioco a fare quello che la Siria la vuole scordare per non sentire più male. Anche se loro, i siriani, ci continuano a chiedere: “perché ci avete abbandonati?”

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nigeria: Abubakr, bambino soldato a 5 anni. Medici senza frontiere: “In migliaia hanno traumi come lui. Giocano a sparare e uccidere”

next
Articolo Successivo

Congresso Usa: errori, inganni e mancati controlli dietro i due disastri del Boeing 737 max

next