Il campo “è distrutto”. E migliaia di migranti sono in fuga, per fuggire dalle fiamme “fuori controllo”. È allarme al campo migranti di Moria, sull’isola di Lesbo, in Grecia, dove ieri notte diversi incendi, probabilmente di origine dolosa, hanno distrutto gran parte della struttura. Il campo era in lockdown, a causa del coronavirus, e secondo le prime ricostruzioni i roghi sarebbero stati appiccati proprio dai migranti in rivolta contro le regole dell’isolamento, anche se la polizia non ha confermato la versione. Dalle immagini le fiamme hanno avvolto tutto il campo. Ma si teme soprattutto per l’epidemia, molti degli ospiti in fuga potrebbero essere positivi.

Video twitter

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incendio nel campo migranti a Lesbo: migliaia di sfollati. Le autorità greche: “Fiamme appiccate dai profughi per protesta”

next
Articolo Successivo

Bielorussia, Lukashenko ammette: “Forse sono rimasto al potere un po’ troppo”. Oppositore portato via da “uomini mascherati”

next