Lodo Guenzi, leader de Lo Stato Sociale, ha sempre espresso sul suo profilo Instagram i suoi pensieri legati alla società, fatti di cronaca e, a volte, con una punta di ironia sul costume, senza mai risultare banale e fuori posto. A differenza di alcuni suoi colleghi non dà peso all’estetica del feed, alle fotografie e se ne frega degli algoritmi dei social. In un lungo post su Instagram il cantautore si scaglia contro la mentalità chiusa della società. Lo spunto è arrivato dalla terribile vicenda in cui la giovane Maria Paola Gaglione ha perso la vita, in seguito all’inseguimento del fratello Michele Antonio perché non accettava la sua relazione con un uomo trans, Ciro. I due erano a bordo di un motorino e sono stati speronati proprio da Michele Antonio in un inseguimento folle, fino al tragico epilogo.

“Io davvero non ne posso più. – esordisce così Lodo – Non capisci un uomo che sta con uomo? Cazzi tuoi. Non capisci una donna che sta con una donna? Cazzi tuoi. Non capisci un uomo che era una donna? Una donna con uomo? Una donna che era un uomo con un uomo che era una donna? Un bianco con un nero? Un verde con un giallo? Un grigio con un bordeaux? Cazzi tuoi, problemi tuoi, limiti tuoi, paranoie tue. La gente si ama come cazzo le pare, a nessuno fotte niente ne deve fottere niente delle opinioni su come si dovrebbe amare, fare sesso, stare insieme, vestire e sentirsi. Cazzi tuoi”.

Poi la conclusione: “Puoi anche non capire delle cose, non mi importa, basta che ti fai da parte e lasci vivere le persone come vogliono. Davvero, abbiamo così poco tempo da vivere che passarlo a sindacare come dovrebbero vivere gli altri è davvero da coglioni. ‘Ama e fa ciò che vuoi’. Lo diceva un santo (Sant’Agostino, ndr), e qualcuno ancora ci vede il diavolo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rudy Zerbi, il faccia a faccia nella notte in centro a Roma: “Me la sono vista brutta”

next
Articolo Successivo

Le frecciatine tra Barbara D’Urso e Alfonso Signorini

next